Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

A sera la lucerna crepita

Questa mia vita è stata come un fiume, che lungo il suo corso ha accarezzato i giunchi che incontrava, portando via un fiore di ginestra che faceva  perdere in mare; lo feceva affogare nell’acqua, dove si era già spento il fuoco che alimentava la mia giovinezza. All’orizzonte le nuvole mi apparivano, allora, come  lenzuoli di bucato stesi ad asciugare al sole.
Fra le fronde del noce c’era la voce del vento che cantava, e c’ era la voce che ogni cielo mandava attraverso un tuono, quando di notte pìoveva e lampeggiava. Allora nel buio i miei occhi dilatati erano pieni di case e di paesi, pieni di gente catturata col pensiero durante il giorno; erano pieni di luce e dentro avvertivo canti di paradisi e un suono lontano di litanìa.
Ora la vita che mi resta si sfilaccia come un sogno che muore sul nascere, o si disfà come nebbia in cielo, che al vento di tramontana si scolora e si disperde. Dal cuore ormai freddo non so come sale alla mente un bruciore che spegne i pensieri. Si sono ammutolite le fontane e non cantano più grilli e cicale; muti sull’albero di fico giacciono gli uccelli impietriti.
Il tempo scorre giorno dopo giorno, fa languire l’anima stanca mentre a sera la lucerna della vita crepita.

Achille Curcio
E' a lampa schiatterija...

Sta vita fu pe mia comu hjumara
chi accanizzau scindendu
i junchi chi ncuntrava,
e scippandu nu hjura de jinostra
’u ficia mu si perda dintra mara;
’u ficia mu s’affuca dintra l’acqua,
duva s’avìa astutatu
’u focu chi attizzava ’a cotraranza.
Luntanu i negghi ncelu
mi parianu lenzola de vucata,
stenduti sutta ’u sula ad asciucara.
Nte i frundi d’a nucara
c’era ’a vucia d’o ventu chi cantava,
’a vucia chi ogni celu
mandava cu nu tronu
quandu chiovìa de notta e lampijava.
Allora dintra ’u scuru,
l’occhi mei sbiddhicati
eranu chini ’e casi e de paisi,
chini de genta
ncatturata de jornu cu i penzeri;
eranu chini ’e lucia
e nt’o cora  sentìa
canti de paradisi
e nu sonu luntanu ’e litanìa.
Mò chiddhu chi mi resta si scilazza,
comu sonnu chi mora appena nescia;
o si spilazza comu negghia ncelu
chi a la vora chi mina
si perda e si sculura.
D’o cora ormai nchiatratu
non sacciu mancu comu
mi sagghia a lu cerveddhu nu vrusciura
chi astuta li penzeri.
S’ammutaru i cannali de’ biveri
e non cantanu cchiù griddhi e cicali;
muti supra ’a ficara
l’oceddhi si mpetraru.
Nu jornu doppu l’atru. ’u tempu scurra,
 mpurra l’anima stanca
e ’a lampa schiatterija a la sirata.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION