Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

C’era una volta…

Come vorrei risentire le parole scomparse che non si pronunciano più, quelle che a sera la nonna a noi, disposti a cerchio, ci regalava e con le quali iniziava ogni racconto accanto al bracere col suo dolce parlare, sempre lo stesso: C’era una volta…chi c’era?! Come vorrei rivedere gli occhi che sfavillavano di luce quando incontravo un compagno di scuola e per magìa ritornavo a risentire le risate di un tempo, che condivano le giornate del rione. Come vorrei riascoltare il mormorio della fiumara o annusare ancora il profumo di un forno che vomitava fresco pane; o l’odore del palmento, dove ribolliva il mosto per S. Martino. Ora appollaiati soli dentro casa, carichi d’anni e di pene, viviamo sconcertati e non colloquiamo più. La nostra bocca non produce più parole. Non c’e rimasta, ormai, una scaglia di tempo per poter raccontare una storia al prossimo, o un avvenimento alla comare. Non riusciamo più a guardarci negli occhi dilatati dalla paura. Siamo rimasti soli, non abbiamo più tempo per percepire di notte il respiro della luna per sopra le cime dei castagni, dove una volta c’era… chi c’era?!…

Achille Curcio
Nc' era na vota...

Comu vorria mu sentu
i paroli perduti
chi non si dinnu cchiù:
chiddhi chi a la sirata
’a nunna regalava
a nui, conzati a rota,
e ncignava ogni cuntu a la vrascera
cu na parrata ducia, semp’a stessa:
nc’era na vota, cui nc’era?!
Comu vorria mu viju
l’occhi chi vampijavanu de lucia
quandu ncuntrava nu cumpagnu ’e scola,
e tornava ammagatu pemmu sentu
i risati ’e na vota,
chi cundianu i jornati dintr’a ruga.
Comu vorria m’arricchiu
’u sgrusciu ’e na hjumara,
o ’u tornu m’assapuru
l’adduru de nu furnu
chi vombicava pana;
o chiddhu d’o parmentu
duva ’u mustu gugghjia pe san Martinu.
Mò ammasunati suli dintr’a casa,
carrichi d’anni e guai,
campamu mpasimati
e non parramu cchiù.
D’a vucca cchiù non nescianu paroli.
Non nci resta na scagghia ormai de tempu
mu potimu cuntara
na storia a lu vicinu,
nu fattu a la cummara.
Non arrescimu cchiù mu ni guardamu
nte l’occhi sbiddhicati d’o spaventu.
Restamma propria suli:
non avimu cchiù tempu
pemmu sentimu ’a notta
’a luna chi rehjata
pe supra i castagnari,
duva na vota nc’era, cui nc’era?!



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION