Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Il poeta non ride

Il poeta non ride: guarda e piange  se incontra un bambino pallido,  che timido stende la mano  per raccogliere un segno, una carezza.  Col cuore carico d’amarezza  piange e guarda  visi pallidi e aggrinziti, come vecchi damaschi, di mamme che nel pianto  hanno consumato gli occhi,  trafitti da un lampo di lupara. Il poeta non ride e resta solo  a guardare e percepire  il tempo, che leggero  entra per ogni casa, striscia sopra ogni cosa  e furtivamente  ti ruba un sospiro, un giorno della tua esistenza. Il poeta comprende che sulla terra  la vita è soltanto un sogno:  un sogno a volte lungo  e a volte breve e amaro e  che diventa  eterno. A sera poi, quando la gente  crolla, schiacciata dalla fatica  per procurarsi un po’ di riposo,  il poeta si affaccia alla finestra  e scorge che in cielo  compare ancora la luna,  la stessa antica luna  vecchia e amica sentinella  di tutta questa miseria.  All’alba poi, sopra i fiori,  ritrova la rugiada: lacrime di questa luna  che guardando la terra  l’illumina e piange:  come fanno i poeti per campare.

Achille Curcio
'U poeta non rida...

’U poeta non rida:
guarda e ciangia
si ncuntra nu guagliuna gialinusu,
chi va stendendu ’a manu virgognusu
mu ricogghia nu signu, na carizza.
Cu nu cora mpuciutu d’amarizza
ciangia e guarda
facci, senza culura, arrepicchiati
comu vecchi damaschi,
de mammi chi nt’o chiantu
strudiru l’occhi stanchi,
perciati de nu lampu de lupara.
’U poeta non rida e resta sulu
mu guarda e pemmu senta
’u tempu, chi leggeru
trasa pe ogni casa,
striscia supra ogni cosa
e, senza ’u ti nd’adduni,
t’arrobba nu suspiru, na jornata.
’U poeta capiscia ca nt’o mundu
’a vita è sulu sonnu:
nu sonnu a voti longu,
e a voti curtu e amaru
chi poi diventa eternu.
Poi ’a sira, quandu ’a genta
si jetta, scamazzata d’a fatica,
mu procura ’e riposu nu tornisa,
’u poeta s’affaccia a la finestra
e vida ca nt’o celu
cumpara ancora ’a luna,
’a stessa luna antica,
vecchia guardiana amica
de tutta sta miseria.
All’arva supra i hjuri
poi trova l’acquazzina:
lacrimi de sta luna
chi, guardandu sta terra,
addhucia ’a notta e ciangia:
comu fannu i poeti pe campara.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION