Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

L’ orologio

Proprio in questa vigilia di Capodanno, quando il cuore ricolmo di amarezze si mette a rovistare nella panca del passato, tarlata ed annerita; proprio in questa vigilia, ho ritrovato ormai dimenticato l’orologio che mio padre portava di giorno nella giacca e la sera, con delicatezza, riponeva sul comodino. Sul quadrante ingiallito e sbiadito è segnata l’ora, il giorno, il mese e l’anno della mia nascita, primo maschio di casa. E sono scolpite le ore, allor quando giunsero chiassosi altri fratelli e sorelle: una schiera di creature gioiose. C’è impresso il ritratto del matrimonio con mia madre incorniciata fra le luci di un altare. Ci sono ancora le impronte di giorni amari e lieti, un tocco di campana a morto  di quando uscì di casa l’ultima nonna; c’è un canestro pieno di carezze che mio padre distribuiva quando tornava a sera. C’è anche segnato il vagito che Gesù bambino diffondeva ogni notte di Natale, i singhiozzi di dolore della Madonna ad ogni venerdì santo. Ci sono impresse le lacrime di chi mangiava un tozzo di pane, condito con un chicco di speranza. C’è il segno di una triste notte e il rantolo del colono morente, che mio padre abbracciava fraternamente quando veniva a salutarci per la Pasqua. Ci sono segnate le guerre, i fratelli che non tornarono o quelli che tornando erano lacerati nella carne e sbrindellati nell’anima.  Sul quadrante ingiallito e smorto di questo vecchio orologio, mio padre valutava la sua vita, la vita degli altri come in uno specchio; alla maniera di un mercante si mise a misurare il tempo: i giorni, i mesi e gli anni. Le ore, nel loro scorrere, scrissero una storia: si fermarono nel primo giorno di un febbraio, quando il sole tramontò e non era ancora sera; fu allora che sul quadrante giallo ed annerito, come fossero cera al fuoco, si sciolsero i mesi, i giorni e le ore, per scorrere liquefatti nel mare che non ha arenile e dove il tempo raccoglie ogni affanno.

Achille Curcio
L' orologiu

E propiu nt’a vijila ’e Capudannu,
quandu ’u cora mpuciutu d’amarizzi
si minta ’u scarfunija
nt’a cascia d’o passatu,
sarachijata e scura;
propiu nte sta vijila
trovavi, ormai scordatu,
l’orologiu chi patramma portava
de jornu nt’a giacchetta
e ’a sira, cu premura,
posava mu riposa
pe supra ’a culonnetta.
Supra ’u quatranta giallu e sculurutu
de quandu, primu masculu, nescivi
è signata precisa l’ura e ’u jornu,
n’annu luntanu,’u misa.
E su’ signati l’uri
de quandu  gridazzari
arrivaru nt’a casa frati e soru:
na mandra ’e criaturi joculani.
C’è ’u ritrattu pittatu
de quandu si spusaru
e ’a mamma ncorniciata
nte i luci de n’otaru.
Ce su’ signati ancora
jornati de doluri e cuntentizzi,
nu toccu de campana currivata
de quandu si nda jiu l’urtima nunna;
c’è na sporta ’e carizzi
chi patramma spartìa quandu tornava.
C’è puru ddha signatu
’u chiantu d’o Bombinu chi facìa
ogni notta ’e Notala,
i sugghiutti ’e doluri d’a Madonna
ogni venneri santu.


Ce su’ signati i lacrimi
de cui mangiava ncunu tozzu ’e pena
cundutu e assapuratu
cu nu cocciu ’e speranza.
C’è signata ’a nottata
e ’u répanu d’a morta d’o cinonaru
chi patramma abbrazzava,
comu fussi parenta,
quandu a Pasqua venìa mu ni saluta.
Ce su’ signati i guerri,
i frati chi partiru e non tornaru
o chiddhi chi tornandu
eranu nte la carna pezzijati,
nte l’anima sciancati.
Supra ’u quatranta giallu e sculurutu
de stu vecchiu orologiu
patramma misurava ’a vita sua,
’a vita ’e l’atri comu nte nu specchiu;
cu fara de mercanta
si misa mu misura de lu tempu
i jorni, i misi e l’anni.
L’uri passandu scrissaru na storia:
si fermaru nu primu de frevaru,
quandu ’u sula coddhau prima m’è sira,
e supra stu quatranta giallu e scuru
comu cira a lu focu si squagghiaru
i misi,i jorni e l’uri,
mu scurrunu sciogghiuti
nt’o mara senza praja,
duva ’u tempu ricogghia ogni suspiru.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION