Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Lo aveva lasciato a rammendare la luna

Quanta nebbia mi scende negli occhi e che profondo dolore mi assale ogni qual volta ritorno al paese,e mi tocca d’accompagnare un amico che ha iniziato un altro cammino.
Anche oggi che sono tornato, da sotto i castagni del Catusu si spande un profumo di ginestra e sembra il giorno del Corpus Domini. Nel bosco dei miei pensieri, dove la mia anima trova rifugio, avevo lasciato un compagno di scuola a rompere col suono del suo clarinetto l’atmosfera di sogno e silenzio. Lo avevo lasciato a custodire le lastre di pietra delle vie del paese; gli avevo affidato il compito di raccogliere le lucertole che avremmo poi catturato a Passuliddhi; gli avevo concesso di contare di notte le stelle, che si intravedevano per sopra un vicolo. Gli avevo donato l’incarico di rammendare la luna se avesse subito uno strappo tra i rami dei castagni; gli avevo lasciato in custodia tutto un passato, che mi serve ancora per vivere con la memoria, in modo particolare nel tornare vestito da forestiero. Questo corteo oggi lo porta a riposare ai Cuturi, dove i cipressi sembrano pennelli posti a dipingere in cielo scene di paradiso. Tu, che giungevi sempre primo allor quando correvamo per le strade, hai vinto anche questa volta, malato come eri: ti sei allontanato veloce come il vento e in un baleno, lasciandomi smarrito fuori del Camposanto.

Achille Curcio
L' avia dassatu mu arripezza 'a luna

Quantu negghia mi scinda dintra l’occhi
e chi vunnu gravusu
ogni vota chi sagghiu a lu paisa,
e tornu m’accumpagnu
n’ amicu chi ncignau n’atru caminu.
Puru oja, chi tornavi,
’e sutta i castagnari d’o Catusu
si divaca nu hjarvu de jinostra
e para ’u Corpus Domini nt’a strata.
Nt’o voscu de’ penzeri,
duva l’anima mia trova ricettu,
avìa dassatu nu cumpagnu ’e scola
mu ruppa c’u clarinu
nu silenziu de pacia senza fina.
L’avìa dassatu ’u guarda                                        
i basuli de’ strati d’o paisa,
mu tena ammasunati li lucerti
chi aviamu de nchiaccara a Passuliddhi;
l’avìa dassatu ’u cunta a notta i stiddhi
chi cumparianu ’e supra na vineddha.
L’avìa dassatu m’arripezza ’a luna
si si sciancava supra i castagnari;
l’avìa dassatu tuttu nu passatu
chi mi serva mu campu nte’ penzeri,
o quandu ccà tornava
vestutu ’e foresteri.
Sta processiona d’oja
’u porta ’u si riposa a li Cuturi,
duva i cipressi paranu pinneddhi
chi pittanu nt’o celu
quatri de paradisu.
Tu, chi arrivavi primu
quandu jiamu scappandu pe li strati,
vincisti puru mò ch’eri malatu:
fujisti comu ’u ventu nte nu lampu
dassandu a mia sturdutu
fora d’o campusantu.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION