Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Me ne vado

Me ne vado, perché questa amara terra mi procura soltanto dolore e giornalmente mi fa sentire tuoni e lampi di guerra. Venni fuori dall’acqua limpida, dove mia madre mi custodiva amorevolmente,  e mi trovai a vivere in un fiume di sangue. Ho camminato sbigottito per le strade del mondo cercando pane e luce, aspettando che il vento mi portasse almeno  un giorno sotto il sole per sentirne il calore. Ora vado via, perché i miei piedi sono già stanchi e gli occhi senza luce. Me ne vado, perché non ho più strada  dove camminare. Me ne vado, perché mi sento preparato, leggero come l’aria, per volare in cielo verso l’eternità, perdendo il concetto di spazio e  tempo, finalmente ubriaco di luce e di pace.

Achille Curcio
Mi nda vaju

Mi nda vaju pecchì sta terra amara
mi duna sulu chiantu
e all’oricchi mi manda ogni jornata
troni de guerra e lampi.
Nescivi ’e l’acqua chiara,
duva ’a mamma amurusa mi tenìa,
e mi trovai mu campu
nte na hjumara ’e sangu.
Caminavi sturdutu nte stu mundu
cercandu pana e lucia,
aspettandu si ’u ventu,
nu jornu mi portava  sutta ’u sula
chi mai mi caddijau.
Mi nda vaju, cà i pedi haju già stanchi
e l’occhi ormai cecati.
Mi nda vaju, pecchì non haju strata
pe fara na pedata.
Mi nda vaju, pecchì mi sentu prontu,
pisulu comu l’aria
mu caminu nt’o celu
perdendu ’u senzu ’e l’uri,
mbriacu de lucia e pacia,
mberzu l’eternità.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION