Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Mi ha detto il vento…

Oggi il vento mi ha confidato che, passando per strade e pianure, più non sente pregare: le voci che percepisce  sono sospiri che la gente mischia al chioccolìo delle fiumare o allo stormire delle verdi fronde degli ulivi. Il vento di oggi mi ha confidato che nel cielo non vede più volare passeri e usignoli.Mi ha confidato che, scendendo nelle piazze non trova,  per lisciarle, chiome  di   ragazzi    che corrono grondanti sudore per le strade, puledri stanchi ubriachi di felicità. Non trova, per accarezzarla, la schiena di donne che cantando sciacquano i panni di bucato presso il fiume.
Trova  soltanto vecchi, seduti  sui gradini di casa a tirar fuori dalla pipa brandelli di fumo nero che salgono al cielo, come l’odore d’incenso nelle chiese. Il vento girovagando non si ferma più ad ascoltare parole: soltanto di notte, penetrando nei boschi avverte una litania di voci melodiose, che gli alberi innalzano al creato nell’oscurità. Io resto insonnolito nella casa, ora che tace ogni cosa, pensando a quanti racconti fece il vento per l’uomo. Questo vento che ha perduto attrazione e voce, e ora accarezza croci in ogni luogo.

Achille Curcio
Mi dissa ’u ventu...

Mi dissa ’u ventu d’oja
ca duva passa mo pe strati e chiani
non senta cchiù pregara:
i vuci chi mo senta
sugnu suspiri ’e genta
mbiscati ammenzu ’u sgrusciu de’ hjumari
o dintra i frundi virdi ’e l’olivari.
Mi dissa ’u ventu d’oja
ca nte l’ariu non vida cchiù volara
rindini e risignoli.
Mi dissa ca si scinda dintra i chiazzi
non trova m’accarizza
capiddhi de guagliuni joculani,
chi curranu sudati strati strati,
puddhitri stanchi mbriachi d’allegrizzi.
Non trova cchiù m’alliscia
’a cudiddha de fimmani cuntenti
chi a la hjumara cantanu, lavandu
lenzola de vucata.
Trova vecchi, seduti a li scaluni,
chi sucanu a la pippa
scilazzi ’e fumu niru,
chi sagghianu a lu celu
comu adduru de ncenzu dintr’a chiesa.
’U ventu, jendu ngiru,
non si ferma mu senta cchiù paroli :
sulu trasendu ’a notta dintra i voschi
senta na litania de vuci duci,
chi l’arvuri nt’o scuru
cantanu a lu criatu.
Io restu nzonnigghiatu dintr’a casa,
mo chi dorma ogni cosa,
mu penzu a quanti cunti
ficia pe l’omu ’u ventu.
Stu ventu chi perdiu amuri  e vuci
e mo accarizza cruci ad ogni rasa.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION