Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Nessuno più mi ascolta

Anche i miei pensieri, che un tempo volavano lontano, ormai sono come tortore impaurite:si sono fermati sul ripiano del balcone e non volano più come una volta.
Ora aspetto che qualcuno entri nella mia casa per sedere con me accanto al fuoco, per ascoltare insieme la voce dalla legna che arde e racconta storie antiche di questo paese, e storie di  uomini e di cose. Ma non si scorge nessuno, é notte profonda e la luna festosa balla tra i rami delle acacie cullati dal vento di levante. Nel caminetto il fuoco annega nella cenere, ed una sola brace, rimasta, arde ancora per poco e poi muore. Che serve nella notte camminare per la strada dei sogni e dentro al buio alla ricerca di qualche scintilla di luce, alla ricerca di una speranza, alimentata da un’alba nuova, di un segno, di una voce. A cosa serve aspettare se nessuno più viene ad ascoltarmi. Sono rimasto senza voce e senza respiro; sono, rimasto con un cuore rattoppato dopo tante amarezze.
Ora, per non dare più fastidio alla gente, aspetto di nascondermi tra le braccia amorose di questa mia terra, che un tempo calpestai girovagando spavaldo.

Achille Curcio
Restavi senza vucia

Puru i penzeri mei,
chi na vota volavanu luntanu,
ormai su’ comu tùrturi spagnusi:
si fermaru a lu settu d’o barcuna
e non volanu cchiù comu na vota.
Mo aspettu ncunu ’u trasa dintra ’a casa,
mu si seda cu mia
pemmu sentimu ancora, ncumpagnia,
’a vucia de’ vampati d’o focuna
chi cunta stori antichi ’e stu paisa,
e cunta stori d’omini e de cosi.
Ma non si vida nuddhu, è notta funda
e ’a luna balla a festa
nte’ rami ’e l’acaciari,
ndozzicati d’o ventu levantinu.
’U focu nt’o caminu
s’affuca dintra ’a cinnara, e na vrascia
rehjata pe nu pocu e doppu mora.
Chi serva dintra ’a notta
mu caminu nte’ sonni e dintra ’u scuru
cercandu ncuna spiddhussa de lucia,
na speranza cunduta d’arva nova,
nu signala, na vucia.
Chi serva pemmu aspettu
si nessunu cchiù trasa mu mi senta.
Restavi senza vucia e senza hjatu;
restavi cu nu cora arripezzatu
doppu tanti suspiri.
Mo, pe non dara mpacciu cchiù a la genta,
aspettu mu m’ammucciu
dintra i vrazzi amurusi de sta terra
chi mpaticai sbafanta jendu ngiru.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION