Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Questi miei occhi ora sono sazi

Quando credevo che la vita mi avesse di già donato tutto e, rassegnato e stanco, meditavo sul  tramonto dell’esistenza; quando neppure l’immaginazione mi portava a vedere sorgere un’altra alba; quando avvertivo il battito del cuore affievolito e il sangue scorrere nelle vene a fatica; quando percepivo che le ore stavano ormai consumando la caldela dei giorni, e il torpore  cominciava a far naufragare ogni desiderio: allora, vestito d’oro, sei giunto nella mia casa, lasciando fuori l’uscio le ali che avevi in cielo. Velocemente scendendo hai rubato alle stelle la luce più viva. Da tanto tempo, stanco, aspettavo un segno dall’alto per far lievitare la fede che dentro mi cominciava a scemare. All’improvviso dal cielo sei sceso tu per consolarmi: per mostrare a questa terra, affogata nel sangue delle guerre, come sorride un angelo e come l’innocenza ha il potere di far tornare bambino un vecchio divenuto nonno. Un vecchio che si specchia nei tuoi occhi, pozzo di amore e pace. Appena sei giunto, sul mio cuore in tempesta è caduto l’arcobaleno; allora con un laccio ho catturato i mari, tenendoli stretti; ho bloccato il cielo e ne ho fatto una cupola sopra il tuo corpo per proteggerti quando ruiposi.
Sei un mare di amore, ed io sono la spiaggia, dove la tua onda gioiosamente si infrange e va cantando una canzone di gioia. Ora questi miei occhi sono veramente sazi di amore e luce.

Achille Curcio
St' occhi mei mo su' sazi

Quandu cridìa c’a vita
m’avìa dunatu tuttu
e, rassignatu e stancu,
jia guardandu a ponenta
duva coddhava ’u sula;
quandu mancu ’u penzeri
mi portava mu viju
surgira n’arva ducia;
quandu sentìa d’o cora
’u vattitu ammusciatu,
e ’u  sangu nte li  vini
caminara arrahatu;
quandu vitti ca l’uri
stavanu ormai strudendu
’a candila de’ jorni,
e ’u sonnu cominciava
m’annega ogni desiju;
tandu, vestutu d’oru,
arrivasti nt’a casa
dassandu fora ’a porta
l’ali d’o paradisu.
Abboluni scindendu
arrobbasti a li stiddhi
’a lucia cchiù lucenta.
Era tantu chi stancu
aspettava nu signu:
nu signu ’e l’atru mundu
m’allevitava ’a fida
chi nt’o cora ammancava.
D’o celu ammenzu nenta
calasti ’u mi cunzuli:
mu mustri a chista terra,
affucata nte’ guerri,
comu n’angiulu rida
e comu l’innocenza
fa tornara ziteddhu
nu vecchiu fattu nunnu:
nu vecchiu chi si specchia
nte l’occhi toi lucenti,
puzzu d’amuri e pacia.
Appena tu arrivasti
supra stu cora stancu
catta l’arcubalenu:
ncatturavi a lu lazzu
i mari, e ’i tinni stritti
nte’ mani ntinagghiati.
Ncatturavi lu celu
e nda fici na cupula
mu sta supra de tia
quandu dormi squitatu.
Si’ nu mara d’amuri,
ed io sugnu na praia,
duva l’unda tua ducia,
sbattendu, va cantandu
na canzuma de gioia.
St’occhi mei mo su’ sazi,
sazi d’amuri e lucia.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION