Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Traduzioni
Achille Curcio

Un teschio sul mare

Sulla spiaggia umida mi sdraio per sognare e sentire ciò che il mare canta, ciò che l’onda racconta. Mi giunge un lamento: voci lontane e stanche di pescatori, voci di litania cantate dentro la tartana.  Si mescolano con l’onda insonnolita  che si spegne a riva e diventa  un canto  soltanto per me, che ascolto stupefatto. In questa notte di mistero e senza luna, sbadiglia un teschio sull’oscurità di questo mare, carico soltanto di niente.

Achille Curcio
Na crozza supra mara

Supra ’a rina vagnata
mi stendu pemmu sonnu e pemmu sentu
chiddhu chi ’u mara canta,
chiddhu chi l’unda cunta.
M’arriva nu lamentu:
vuci luntani e stanchi ’e marinari,
vuci de litania
cantati nt’a tartana.
Si mbiscanu cu l’unda nzonnigghiata
quandu a la ribba mora
e diventa pe mia sulu nu cuntu,
chi mpasimatu sentu.
Nt’e sta notta ’e misteru e senza luna
na crozza ’e mortu alija,
supra stu mara scuru
mpuciutu sulu ’e nenta.



dal volume ’U poeta non rida (2005)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION