Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Sud:
Poesie
Adam Vaccaro

SIGNOREMIE


Oh quante volte fare per altre vie la stessa strada
cercando nel passato una strada
dal presente al futuro
                                   Ti ricordi miasignora
che gare di baci  carsi
scintille arse e perse nel vento
le cosce tenute come portafogli ricolmi
intenti a non lapidare quel capitale
di sogni e miracoloso nel ventre


Ti ricordi    miasignora
il cammino fatto per cercare quel punto
fatto sempre di punti dell’intento
di ricominciare daccapo


e che fatica disperazione e premio 
                                                        prima e dopo quel punto




                 Che signora era allora Milano
                 calda e coicapelli nel vento
                 una barca alla ricerca del largo
                 schiaffeggiata dall’acque e baciucchiata dal sole
                 dopo i massacri recenti della guerra più oscena
                 tra buchi nel ventre topi sommersi volti riemersi




                                        Entrare in un bar – allora – era come
                                        cucciarsi in un angolo curvo dell’arca
                                        ruotando gli occhi e quel bicchiere 
                                        s’una voce giurando riflessa




Stavo con te scorrevamo nel sogno
      i sogni belli del dormiveglia in
           quell’alba rosata del dopoguerra
                 ch’aiutava certo a danzare sul mare
                       cupo di fame e di attese gonfiate
                              così poveri e ricchi così poveri e ricchi
come noi su questo letto



Sett. ’97

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION