Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Elisa Biagini

La gita


                                                       
                                                        “devo rassegnarmi a non potere qui/
                                                                                       raddrizzare nulla” 
                                                                                             Nathan Zach


Un vento che m’ impasta
col soffione, che mi
fonde le suole mentre
faccio la mia
cernita: quale sasso
ti ricorda, il suono
di quale sirena.
 
Adesso è il tempo della
miniera, della terra
che mi sfiora il capo,
del parlare indurito,
della lampada spenta.
 
Scale dentro la roccia
grattano il fondo, dove
si sudano sassi e il cuore
gorgoglia.
 
Ci si scende in miniera,
seguendo briciole di 
pirite, ci si scende
con gli occhi, coi ginocchi,
ci si scende a cercare
la traccia, la goccia
che ha segnato la pietra 
col cadere, che fa la
memoria traboccare.
 
(ci sciogliamo
col caldo, goccia
a goccia, ci
rimpastiamo
al mare.
           
ci ritroviamo,
nodo nella
palpebra.)
 
Dentro ascolto il
legno del sostegno,
conto le micce che
aprono alla vista,
ci raduno prima
della volata,
                  ci cerco
nel buio e nel calore.
 
Ci cerco, a noi due:
tu nube di memoria,
io che mi sfuggo
come di mercurio,
tremito di termometro
che ingoio, vetro e tutto.
 
(Un treno dal buio,
un piede per binario,
un occhio accecato che
ti cerca, 
              un treno
nel buio, che t’aspetta.)








da Da una crepa (2014)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION