Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Elisabetta Destasio

Gene modificato


Asserragliati ricci di mare.
Asserragliati versi. Giù, alla radice del midollo.
Nella sera che muore dentro un respiro,
si sfaldano capsule bianconere.
Capsule annidate nel blister che pure trafiggono il corpo
inquieto all'orda dell'acqua, 
che come tempesta scivola e mescola amaro e denso. 
Denso e amaro. Amaro. Amaro.
Mi lega a sé ed in sé trafigge lo spazio incolore.
Strozzato pensiero che frena sul muro grigio argento.
Il risveglio era stato un alito, un fremito.
Poi, più nulla. E di te lo sfocato ricordo nelle vene atrofizzate.
Non c'è niente oltre questo.
Eppure, fuori, la primavera danza con gran carattere. 
Adesso è l'ora. L'ora del rifugio 
oltre la stanza, oltre i referti precisi, netti, affilati, taglienti.
Oltre questo foglio, che bianco non è, ma vermiglio. 
In smembrate strutture, io.
E tu, a seguire me. Pura. Vita. 




Tratto dalla raccolta "Sogno d'acciaio" Annales Edizioni, 2014

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION