Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Enrico Trebbi

Elogio della penombra


Anche la stagione si schiera contro.
Tutto questo sole invernale
tutto il secco e polveroso colore
la ruggine d’erba e alberi
la luce che già all’alba abbaglia
sarà l’angolazione, il perielio,
sarà soprattutto che da troppo
tempo non piove, sarà che
a questa maniera il mondo
pare immerso in una cecità senza
riparo, senza speranza. Per me
le belle giornate di pioggia 
che tenue picchiettava la tettoia
ai Cagnani, l’aria umida e fresca,
i mezzi toni, le luci smorzate
e materne, erano riposo e 
protezione. Uscivo allora di casa
con la scusa della legna
di una bottiglia di vino e 
mi perdevo per pochi momenti
nei colori dimessi, nella docile
brezza che portava i pensieri
lontano. Oggi chiudo finestre
e persiane e guardo i tuoi occhi
fiorire nella penombra della 
stanza, avvolgermi nel loro fresco
e umido a volte stupore, che
premuroso mi osserva e tiene
i miei pensieri per mano
quando la sera mi porti la pace
che le ore di luce non danno.




Modena, 12 gennaio 2012

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION