Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Fabio Franzin

(vi ho visti emergere dai campi)

Vi ho visti emergere dai campi, / all’imbrunire – quando i campi erano / ancora terra e destino, pane e sudore - / ombre lente, stanche, fra le giungle del mais / e i filari delle viti, la buia luna di una falce, / le punte di una forca spuntarvi dalle spalle / come figure della morte o antropomorfe: / licantropi, satiri, o minotauri scalzi. // Vi ho visti inginocchiati al rivolo luccicante / di una fontanella, passarvi sollievo dietro / la nuca, le mani un poema di coriandoli / d’erba, virgole di terra sotto le unghie; / voi, che conoscevate solo i pochi nomi / che servivano, e solo quelli vi siete fatti bastare / per chiamare la pioggia o per maledire / la siccità, la grandinata vigliacca, che / sapevate dove si cela la foglia del rafano, l’atto / che muta un galletto in cappone, l’innesto che fa più dolci le mele, voi // e le vostre famiglie vaste, con sempre / un Ciccio o un Nane, uno scaltro e un tonto / preso in giro dai bambini perché credulone e di tutto timoroso, tardo e minchione, / ma infisso nella memoria di quei ragazzi / come il palo in testata al vigneto, voi / con le vostre preghiere pagane, le vostre superstizioni, bestemmie grasse come letame // mi venivate incontro coi vostri cappelli / di paglia, i fazzoletti neri annodati intorno / a nasi-becchi, occhi spalancati sino al nucleo / della fatica, ed io, sciocchino, vedevo in voi / quasi degli dei, immortali, brune statue di forza / e resistenza, mai dome, mai domenica, / schiavi del meteo e delle stagioni, il portacote di corno / fissato in fianco, come cow-boy del trifoglio // se dimenticarvi bisogna, per stare al passo / fra asfalto e menzogna, fra internet e il nulla, / io voglio farlo lungo la traccia da voi segnata, // appeso saldamente a questa penna come voi all’aratro, / un sacchetto di parole fissato a uno spago annodato / intorno alla vita, il pensiero che vaga / fra l’aria e il volo degli uccelli, i semi sparsi / da uno scatto del polso, con passione e fiducia, / la mano che li abbandona in pace col mondo.

Fabio Franzin
(ve ‘ò vist ‘rivàr su dai canpi)

Ve ‘ò vist ‘rivàr su dai canpi,
a l’inbrunìr – co’ i canpi i iera
‘ncora tèra e destìn, pan e sudhór –
onbre lente, strache, drio ‘e panòce
e i gavìni, ‘a luna scura de un falzhìn,
‘e ponte de ‘na forca spontàr dae spàe
come figure dea mort o mèdhe bestie:
òmilupi, satiri o minotauri descalzhi.

Ve ‘ò vist cuzhàdhi al pìssoeo slùser
de ‘na ponpa, passàrve solièvo drio
el còl, ‘e man un poema de coriàndoi
de erba, vìrgoe de tèra, sot’e onge;
valtri, che savéssi sol i pochi nomi
che servìa, e quei ve se fati bastàr
pa’ ciamàr ‘a piova o pa’ maedhìr
el sec, ‘a tenpestàdha bastarda, che
savéssi catàr ‘a fòjia del cren, l’opra
che fa mudhàr un gaét te un capón,
l’incalmo che indolzha i pomi, valtri

e ’e vostre faméjie grande, co’ senpre
un Cicio e un Nane, un canajia e un tonto
menà ‘torno dai bòce parché ‘l ghe crede
a tut, e de tut l’à paura, crudho e cojión,
ma piantà  tea memoria de chii fiòi, po’,
come el pal de testa te un vigneto, valtri
co’e vostre preghiere pagane, ‘e vostre
supestizhión, besteme grasse* come buazha

me vignéssi incontre co’ i vostri capèi
de pajia, i fazhoéti neri ligàdhi ‘torno
a nasi-bèchi, òci sbaràdhi drento ‘a nosa
dea fadhìga, e mì, bauchét, ve vedhée
squasi dèi, imortài, statue negre de forza
e de nervo, mai dome, mai domenega,
servi del tenpo e dee stajón, el codhèr
picà in fianco come cau-bòi del strafòjio

se desmentegàrve toca, pa’ star in pie
fra ‘sfalto e busìe, fra internet e nient,
mì vui farlo drio ‘l corso che ve ‘assà,

picà a ‘sta pena come valtri al vassór,
un sachét de paròe fissà a un spago ligà
‘torno ‘a vita, el pensièr che se perde
fra l’aria e i osèi, ‘e semenzhe spante
da un scato del pols, co’ cura e fiducia,
‘a man che le mòea in pase co’l mondo.
________________________________

* nel mio dialetto il letame è chiamato grassa

da “Fabrica e altre poesie”, Borgomanero, Ladolfi editore, 2013

n.b. i testi, sono scritti nel dialetto Veneto-Trevigiano parlato nell’Opitergino-Mottense

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION