Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Fabio Franzin

La bicicletta

Non ho mai capito / perché te la comperasti / quella bicicletta. Ti vedevo passare / di qua, tenendola per la manopola del manubrio / e, camminando, andare verso il tuo lavoro, / verso il bar. Mai ti ho visto saltarci / sopra, mai ti ho visto spingere quei pedali / che giravano lo stesso. Poi hanno incominciato a girare / anche i pedali della mia vita, mi sono avviato / verso i sogni, verso il richiamo dell’amore, / e non ho più avuto tempo da perdere per sedermi qui fuori / a guardare cosa passava, / e i chi e i come che andavano, che tornavano / a volte ubriachi, a volte cantando, / bestemmiando, salutando. Non sei mai stato, o meglio, / non mi eri mai sembrato, aspetta, / com’è che si dice... ah, sì: “pittoresco”, / mai sei tornato ciondolante dal bar, / a declamare stramberie come Guerrino e Cochi / ed Enrico, in quel dire bislacco / che a noi fanciulli / era così simpatico, / che imitavamo, scimmiottavamo, insieme ai nostri giochi. / Tu passavi, ogni tanto, con il tuo baschetto blu / e il tuo silenzio. Così, solo dopo un bel pezzo, / un anno, forse, che non ti vedevo più / ho chiesto a mia madre – ma così, tanto / per dire qualcosa, neanche curiosità, / come ci si parla del tempo, oppure ci si chiede: “che ore sono?” – gli ho chiesto / tue notizie. “Ah, Benito?, è ormai un anno / quasi che è morto”. Poi ha aggiunto / che eri scapolo, senza fratelli, / e che aiutavi il lattaio a fare burro / e formaggi. Tutta qui era stata la tua vita. // Ed ora io immagino che quella bicicletta / (che tenevi sempre così linda e brillante) / fosse stata per te quasi quella fidanzata / che non hai avuto, quella che si porta / fuori a spasso, la sera, a braccetto, o un fratello, un figlio, / un amico, un cane, almeno. // E mi piacerebbe sapere che fine / abbia fatto, / se qualcuno gli sarà poi salito sopra // o se, non come te dentro me, / si sia arrugginita appoggiata a un qualche / muro del tempo.

Fabio Franzin
‘A bici

No’ò mai capìo
parché té te ‘a ‘vesse ciota
chea bici. Te vedée passàr
par de qua, tignéndoea pa’ à manòpoea
caminando, e ‘ndar ‘vanti verso ‘l tó lavoro,
verso l’ostarìa. Mai te ‘ò vist saltàrghe
sora, mai te ‘ò vist fracàr chii pedhài
che i giréa istéss. Po’ i ‘à tacà a giràr
anca i pedhài dea mé vita, ‘ò scuminzhìa
a córerghe drio ai sogni, a l’amór,
e no’ò pì buu tenpo pa’ sentàrme fora
a vardàr còss che passéa de qua,
e i chi e i come che ‘ndea, che tornéa,
a volte inbriàghi, a volte cantando,
bestemàndo, saeudhàndo.
No’ te sì mai stat, o mèjio,
no’ te vée mai vist, spèta,
com’eo che se dise... ah, sì : «pitoresco»,
mai te sì tornà sbiègo, da l’ostarìa,
a sparàr stranbòti come Guerino e Cochi
e Rico, te chel dir baéngo
che a noàntri bòce ne fea cussì tant da rider,
che se imitéa, se simiotéa in mèdho ai nostri zòghi.
Tì te passéa, òni tant, tut quà, te passéa
co’a tó bici par man, co’l tó baschét blè
e ‘l tó siénzhio. Cussì, sol dopo un bèl tòc,
un àno forse, che no’ te vedée pì
ghe ‘ò domandà a me mare – ma cussì, tant
par dir calcòssa, nianca coriosità,
come che se sé parla del tenpo, opùra
se sé dise: “che ora eo?” – ghe ‘ò domandà
tó notizie. “’A, Benito?, a l’é bèl che un àno
squasi che l’é mort”. Po’ a me ‘à dita
che te jèra mul, senza fradhèi,
e che ‘iutéa el latér a far formàji
e butìro. Tuta qua ‘a jèra stadha ‘a tó vita.

E ‘dèss mì pense che chea bici
(che te tignéa senpre cussì lustra)
‘a fusse stadha par tì squasi chea morosa
che no’ te ‘à mai bbu, quea che se porta fora
a spasso, ‘a sera, a brazhéto, o un fradhél,
un amìgo, un fiòl, un can inmànco.

E me piasaràe savér che fine
che l’à fat, chea bici,
se calcùn ghe ‘à mai montà parsora

o se, a l’incontrario de tì, drento de mì,
‘a se ‘à inrudhinìo pudhàdha a un calche
muro del tenpo.

Da “Mus.cio e roe (Muschio e spine), Milano, Le voci della luna 2007

n.b. i testi, sono scritti nel dialetto Veneto-Trevigiano parlato nell’Opitergino-Mottense

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION