Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Fabio Franzin

Tutte quelle cosucce

Tutte quelle cosucce che porta / a casa da scuola, nostro figlio, / dal cortile della ricreazione // tutte quelle cosucce che cadono / sulle piastrelle, dalle tasche / del suo grembiule azzurro: // bastoncini, sassolini, pezzetti / di ferro arrugginito, di carta / o plastica, ossi di pesca // o di pollo. Che coraggio / ci vuole, a buttarle via, / una qua, una là, nei bidoni // che delitto non comprendere il valore / vero, non essere capaci di guardarle / dalla giusta angolazione, le cose, aver // sottratto loro la poesia, la fantasia / che le trasforma in tesoro. Quanto stolti, / poi, a considerare oro solo l’oro.

Fabio Franzin
Tuti chii strafanti

Tuti chii strafanti che ‘l porta
casa da scuòea, nostro fiòl,
dal cortìo dea ricreazhión

tute chee robéte che casca
tee piastrée, dae scassèe
del só traversón zheèste:

bachetini, sasséti, tochéti
de fèro rùdhene, de carta
o plastica, ossi de pèrsego

o de poeàstro. Che coràjo
che ghe vol pa’ butàrle via,
una qua, una là, tii bidoni,

che deìto no’ capìr el vaeór
vero, no’ èsser boni de vardàrle
pa’l só vèrs, ‘e robe, ‘verghe

robà ‘a só poesia, ‘a fantasia
che le fa tesoro. Quant senpi,
po’, a ciamàrghe oro sol a l’oro.

da “Fabrica e altre poesie”, Borgomanero, Ladolfi editore, 2013

n.b. i testi, sono scritti nel dialetto Veneto-Trevigiano parlato nell’Opitergino-Mottense

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION