Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Gabriella Sica

Ultime tre poesie - 2


Mai come chi è morto e non c’è più è presente
vicino ai suoi cari come un vivo tra i vivi vivo 
come te che incontro discendendo di corsa
nella foschia cupa di un soffocato sottoscala.


È lunga la separazione tra i morti e i vivi
ma l’incontro avviene. Un saluto breve e cortese
come tra stranieri un cieco e penoso procedere 
su gelidi scalini dove non crescono fili d’erba. 


Se non ci fosse l’eterno l’insurrezione della gioia
come potrei riporre l’amore non voltare lo sguardo
smettere il dolce passato essere quasi in salvo?


Ma un istante colma la sete di settimane e di mesi
vuoti e sposta lieve la fine prima della fine.
Oh quanto a volte ci sono vicini i morti!
            
25 luglio 2005




da Le lacrime delle cose (2009)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION