Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Giacomo Vit

Il serpente d'acqua

Bambini con un serpente/che penzola dalle mani./Gli staccano la testa,/gli sbrindellano la coda,/schiacciano sotto i piedi/ciò che resta:/vedono la vita/assottigliarsi/e poi scivolare/in un gorgo di nulla .../Non era velenoso (corridore/d''acqua, il suo dente non seminava/morte) e si poteva/lasciarlo nuotare/nel fuoco delle alghe,/ebbro di guizzi .../(internamente, con i giorni smarriti:/chiedersi del caso, le sue/ reti ...)

Giacomo Vit
Il madràs


Frus ch’a àn un madràs
a piciulon ta li’ mans.
A ghi giavin il ciaf,
a ghi sbrindinin la coda,
a sclissin sot i piè
se ch’a vansa:
a viodin la vita
fassi fina
e dopu sbrissà
ta un gorc di nuia ...
A nol era velenous (curidour
di aga, il so dint a nol plantava
muart) e a si podeva
lassalu nodà
tal fouc dal patùs,
cioc di schivanelis ...
(didentri, cui dis piardùs:
domandassi dal casu, li’ so
reis ...)





Da La cianiela, Marsilio, 2001

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION