Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Poesie
Gian Mario Villalta

Sera


La luce si alza verso il cielo sopra le luci 
e il buio dolce degli edifici
abbraccia a lungo lo sguardo.
La luce si alza con un respiro
e promette a tutti un segreto, quiete profonda, pianto.


Passano una sull’altra
facce nelle auto che incroci,
le guardi, a cosa appartieni questa sera, a chi parli?


La lingua perduta degli stormi
che alti si adunano nella luce.
La lingua dei perduti per una parola 
non detta, per una parola distorta pervenuta all’orecchio.


Per una volta non sia la ragione o la colpa,
chiama tu, pronuncia le parole che più non hai detto. 
Non c’è vergogna se trovi nel cielo di questa sera 
fiducia in qualcosa che non conosci,
e non la vita che si sogna,
ma qualcosa di tuo nella vita che vedi.
Adesso componi il numero, adesso chiedi.





Da Regione (Vanità della mente)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION