Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Giancarlo Sissa

Eva Yerbabuena


                                                        A Valentina


Mi chiedi se posso … fare cosa?
dire se il corpo piange un buio
che spacca in cuori il canto?
pioverà la notte, ma intanto
questa donna è un ventaglio
che batte il suo alfabeto
sui fianchi del pianeta – o nella sera il taglio
                                       e sangue la sua seta
                                       se le tuona in petto
                                       chissà che mare –
ombra che dalla terra stacca
e prende a ballare – colomba
di duende – che non sa riposare
o l’anima che dal nero sorge – così dev’essere
                                                 sapersi tempo senza
                                                 precauzione  e il seno 
                                                 sporge a un suo balcone
ideale di fame, di miniera, di gioia
furibonda … da giovane cane
o nera onda “ed ecco il mio esercito
di palmas e di bicchieri” – in marcia nel buio dei misteri
                                           che batte batte battte la paura
                                           e la disdetta di uno sconosciuto
                                           ieri – o segni di carbone
accesi a ogni passo nella notte
arsa dal mattino – smarriti come a un sogno
gli occhi di un bambino – perché
qui ammala la perfezione e si dispera in devozione
                                         - qui si fanno insulto silenzio
                                         e redenzione e solo guarisce in pianto
                                         la sua passione il canto – 
e sta come in uno specchio
l’arcana pena e accoglie
fiori e frutti nella gonna
che avvelena – farfalla o mariposa che rapisce
                         l’invisibile incontro della sposa
                         santa con l’impossibile che tace
                         e canta – e no, io non posso …
la perfezione non la so davvero
raccontare, tu meglio di me
lo sai e fai, che per amore
ti sei lasciata raccontare. 




(da “La costellazione delle altalene”, di prossima pubblicazione)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION