Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Traduzioni
Giovanni Previdi

Appena appena


Stavo facendo benzina, giovedì, 
cosa mi è venuto in mente, io non lo so, 
quel gioco che facevamo da ragazzotti, 
alle elementari, io e la Chiara, 
al sabato pomeriggio, 
intanto che i suoi facevano un sonnellino. 
Ci infilavamo sotto il suo letto, 
e cominciavamo a darci dei bacini, 
piccolini, a bocca chiusa. 
Solo che una volta, io non saprei, 
mi è scappata una mano là giù in basso, 
e ho sentito appena appena la sua peluria, 
lì dove comincia. 
Mi è sembrato di pungermi 
e quel gioco lì non l’abbiamo mai più fatto.

Giovanni Previdi
Apéna apéna


A séra adré far benzìna, giuedì, 
cuz’am è gnü in mént, mi ’n al sò, 
cal zöc k’a fàvan da ragasòt, 
a i elementari, mi e la Chiara, 
al sàbat dòp mezdì, 
intànt ke i sóa i fàva ’n sunìn. 
As infilàvan sót al sò lèt, 
e a tacàvan a dàras di bazìn, 
piculìn, a bóca sràda. 
Sól ke na vòlta, mi ’n savrés, 
am è scapà na man là zó in bas, 
e ò santèst apéna apéna la sò plüria, 
lì ’ndu la tàca. 
Am è parèst da furàram 
e cal zöc lì an ’l ém mai pü fat. 




Due fettine di salame, poesie
(Quodlibet – Compagnia Extra, 2013)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION