Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Traduzioni
Giovanni Previdi

I love you


Saranno dieci quindici giorni che non litighiamo 
mai, 
niente, mai una parola fuori posto, 
parliamo come a scuola, 
alziamo persino la mano per dire qualcosa, 
un’educazione e un rispetto, merce rara, 
e poi dopo facciamo di quei discorsi ma dei discorsi, 
che non sono dei discorsi, sono delle poesie, 
chiacchieriamo fino, ci guardiamo negli occhi, 
un amore, ci vogliamo un bene e un bene che chissà, 
che era un bel pezzo che non ci volevamo un bene 
così, 
che sembra di vederne dei mucchietti, in tutti gli 
angoli della casa, di questo bene qui, 
«Stella» io la chiamo Stella «comincio ad apparec- 
chiare intanto che vai in doccia?» 
io apparecchio in un modo ma in un modo, per 
farle piacere, lei ci tiene molto, 
che neanche a nozze apparecchiano così, faccio 
persino una barchetta con il tovagliolo, 
lei va matta per le mie barchette con il tovagliolo, 
«Sì Amore» lei mi chiama Amore «tu apparecchia 
che arrivo subito!» 
Poi dopo, appena sento dal bòiler che ha finito, la 
      vado a prendere,
le metto le mani sugli occhi, la porto in cucina,  
la faccio sedere a tavola e le tolgo le mani di colpo, 
e lei «Amore… I love you!» e io «Stella, anch’io…», 
dieci quindici giorni così, un romanzo! 
Ma ieri sera, dio scannato, s’è chiusa in camera per 
due ore, 
e ho sentito che piangeva, sottovoce. 
«I love you…» diceva al telefono.

Giovanni Previdi
Ai lov iù


A sarà diés quìndas dì k’an lidghém mai, 
gnént, mai na paròla föra pòst, 
a ciacarém cmè a scöla, 
alvém infìn la man par dir quèl, 
n’edücasión e ’n rispèt, merce rara, 
e pò dòpu a fém ad ki discórs ma di discórs, 
k’i è mia di discórs, i è dli puezìi, 
a ciacarém fin, as guardém ind i ò?, 
n’amór, as vlém un bén e un bén ke kisà, 
k’l era un bèl tòc k’an as vléan un bén cumpàgn, 
k’a par da védran di mücìn, in tüti i cantón a dla ca, da stu bén ki, 
«Stèla» mi a la ciàmi Stèla «tàch-ia a parciàr intànt k’at vè in 
dòcia?» 
mi a paréci in na manéra ma in na manéra, par fàr-ac piazér, lé 
la’g tégn dimóndi, 
ke gnànca a nòsi i parécia ’tzì, a fagh infìn na barkéta cun al 
tfaiöl, 
lé la va màta par li mè barkéti cun al tfaiöl, 
«Sì Amór» lé la’m ciàma Amór «ti parécia k’a rif sübit!» 
Pò dòpu, apén’ a sénti dal bòiler k’l’a fnì, a la vag a tör, 
ag mét li man in s’i ò?, a la pòrti in cuzìna, 
a la fac sentàr a tàula e ag càvi li man ad cólp, 
e lé «Amór… Ai lov iù!» e mi «Stèla, ànca mì…», 
diés quìndas dì atzì, an rumàns! 
Ma iér sìra, diuscanà, la s’è seràda in càmara par dó óri, 
e ò santèst k’la pianzéva, sotvós. 
«Ai lov iù…» la dzéa al telèfun.




Due fettine di salame, poesie
(Quodlibet – Compagnia Extra, 2013)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION