Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Isole:
Traduzioni
Giuseppe Condorelli

(dicevano: tua madre è già sotterrata)

Dicevano: tua madre/ è già sotterrata./ Ed io con le ginocchia scorticate/ non potevo conoscere/ la misura rotta della vita./ In collegio c''era odore/ di arance sbucciate/ e di  gusci di mandorle./ Dicevano:/ ora diventi pazzo./ Io non mi arrabbiavo/ non piangevo/ guardavo gli angoli del cortile./ Dalla grande finestra scorgevo anche i dirupi dentro i quali annegava il fiume.// Dicevano: tuo padre/ è già sotterrato.// Ed io me lo sono ricordato/ ma dopo,/ quando la sera riempiva la casa/ e il trenino della Circum/ sembrava imbalsamato/ dietro il passaggio a livello.// Mio padre quando è morto/ non ha potuto dirmi/ nemmeno una parola.

Giuseppe Condorelli
(dicevunu: to matri è sutta a terra)




Dicevunu: to matri 
è sutta a terra
e ju che jnocchia minnicati 
no' puteva sapiri 
da musura rutta da vita. 
N'to culleggiu c'era ciauru 
d'aranci munnati 
e di scocci di mennula.
Dicevunu: ora scattii
ju non m'arraggiava 
non chianceva 
taliava i 'ggnuni do cuttigghiu. 
Do finistruni videva 
macari i sbalinchi 
unni anniava u ciumi.


Dicevunu: to patri 
è sutta a terra.
E ju m'urriuddai a iddu
ma addoppu, 
quannu a sira allincheva a casa 
e a litturina da circum 
pareva abbarsamata 
arredi 'e sbarri. 


Me patri quannu mossi 
non m'arrivau a diri 
nenti.






Da: N'zuppilu n'nzuppilu (goccia a goccia) inedita

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION