Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Isole:
Traduzioni
Giuseppe Nibali

Ha fatto buio, la senti

Ha fatto buio, la senti / questa oscurità che ci prende? / stai qui. Resta, / è lunga la notte e non piangere, / basta. Il portone è sfondato / lo ha sfondato un vento pieno di giorni / entra entra, guarda il mio vestito, fatto a brani. / Per te, quando sei nato, e per / tuo padre che ho chiamato tutto il tempo / e non ha risposto. // Veni qua, non piangere. / Dentro la chiesa parlavano dell’inferno, il prete si è infuocato / e aveva gli occhi di fuori, ancora / per lo spavento, dentro il cuore. / Ti ha spinto l’olio sulla testa / solo qui, per tre giorni,/ si è illuminata la festa.

Giuseppe Nibali
(scurau, U senti)


Scurau, U senti 
stu scuru ca ni pigghia? 
Statti cà. Resta,
è longa a nuttata, e non chianciri, 
basta. Lu purtuni è spunnatu 
lu spunnau n’ventu chinu ri iorna 
trasi trasi, talia a me vesti, a morsi a morsi.
Pri ttia, quannu nascisti, e pri 
to patri ca chiamai tutt’u tempu 
e non m’arrispunniu.


Veni cà, non chianciri.
Intra’a chiesa parravanu ro n’fernu, u parrinu s’infucau 
e aveva l’occh’i fora, ancora 
pri lu scantu, nta lu cori. 
T’incaccau l’ogghiu supr’a testa 
sulu cà, pri tri ghiorna, 
luciu a festa.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION