Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Guido Mattia Gallerani

Prefatto

Io sono quello che volete che sia
e non per niente nessuno mai
sospetta del mio accento.

Neppure all’anagrafe c’è traccia
di un mio qualche documento.

Perché io non esisto se non inseguito
da un vostro evento: avete visto con che incendio
s’uccide la madre che non ho
e di una ragazzina nasco a figlio
dello stupro mai commesso.

Io non dormo né mi sveglio
ma resto dentro, attento
a quello che si dice
per essere pronto sul momento
a divenire
            ora riaffiorando in gola
ora camminando nell’ombra stretta a fianco
accarezzo il vostro collo intorno al bavero
e soffiando brividi abbraccio calvi
i vuoti della fronte, metto i guanti
ai vostri palmi bianchi perché nel fare
quello che mi dite fare le vostre mani
non finiscano spellate.
 
La mia orma la vostra riempie
e da scalzo, nudo mi infilo,
m’adatto al vostro nuovo vestito.


Da Falsa partenza (Ladolfi, 2014)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION