Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Guido Monti

Laida e furbastra Italietta


Ti chiedo, Giorgio, i crescenti anni 
d’alta meccatronica sono sempre 
ad un punto iniziale o finale? 


lo sguardo, vedo, schiacciato sul grand’angolo 
d’altro e altro cemento armato, non cerca più 
affamato lo sfondo che a volte arrancando 
di gamba nell’oltre pedemontano mi spunta 
sui giochi d’ala stretti tra la fine del giorno 
e le colline dorsute


intanto, dicono le cronache, i soliti cortei 
dei poveri anno domini 1900, 2000 sfilano 
in festoni sfioriti, carte dell’ultimo giro 
nel crescente secolo consumino 


sai nel tempo ultra-positivo il salario si fa 
cifra residuale sui diritti quesiti novecenteschi




tutto non dice solo esiste e finisce 
mi ribatte la voce che toccando va 
pietre, alberi, una lama sento, il suo tono 
sulle acque (acciarine) dell’espansa modernità 


come è nudo il tuo principio che porta vocetta 
dato per segni tanti nel fu tempo progressivo 
nostro, venivi da te a me con quei sorrisi 
intermittenti sulla notte pesta del sentiero 
brecciato dei limoni







da Fa freddo nella storia (Stampa 2009, 2014)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION