Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ida Vallerugo

La luce generale


Tibet Maa normalità mia alta 
 crollata all’improvviso nel sonno, assorta già 
 in sogni grandiosi 
 già entrata docile respiro, in quella oscura fatica 
che tutto spinge e trasforma. 


 Quanto dura la morte? 
 No, la fine è finita. 
 È finita la fatica
di rinascere ogni giorno in qualche modo. 
Il morire di ogni giorno, Maa, è la morte  
e io non ne posso più di morire, Madre. 


In te ogni respiro, ogni azione  
così faticati erano uguali e differenti 
come le dita della tua mano 
ancora tiepida tra le mie mani. 
Un grande legame 
univa ogni tuo fare dentro 
il quieto massacro del tuo mondo contadino 
accettato come la siccità e la pioggia. 
Tutto doveva essere fatto. Tutto aveva  
nel suo essere uguale e differente 


         la luce della necessità 


                 la luce generale della tua vita.  


Non è questo 
voltarsi indietro al tuo mondo condannato  
radicchio mio pieno di pioggia  
ma il tuo mondo 
non ti aveva ancora tolto 
la sicurezza di arrivare a sera 
non sfigurati.  


In me ogni interesse, ogni azione 
 sono da troppo tempo come staccati 
 ognuno per conto loro 
 foglie di alberi diversi 
 che si staccano dallo stesso ramo. 
 Si è abbassata di tanto, Madre, 
 si spegne! 
 la luce generale 
 che illumina nella stessa maniera 
 ogni luogo di un luogo. 
Quella luce che è tutto nella vita 


 E se non è questo 
non c’è più niente. 
 io non sono più io, Madre. 


 “Taci, non darmi questo dolore”. 


 Se questa è ancora luce 
 e non invece gli occhi drogati 
 di questa lunga notte del venticinque maggio 
 che sogna di avere occhi e piove 
 miele di acacia e luna sulla tua fronte 
 che si distende, sui prati, sulle città 
 sui continenti alla deriva. 


             Ma guardami, tu che hai 
 le redini del tempo in mano. 
Chi più di me ha voglia di vivere? 
Chi più di me ha voglia di dormire? 
 Perché il mio tempo 
 è estraneo ai suoi figli 
 nebbia di sangue pesato 
 che svanisce in buio.  
La sola sicurezza, nessuna sicurezza.  
E tu, tu sei morta.


da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p.

Ida Vallerugo
La lûs generâl


Tibet Maa, normalitât me âlta
crolâda a colp tal sum, straviâda gjà
in sumis grandious
gjà entrâda, dòcil rispîr, in chê scûra fadîa
che dut a puârta e a trasfôrma.


Ce tant dûre la muart?
No, la fin a è finîda.
A è finîda la fadîa
da rinâssi ogni dì in cualchi mout.
Il murî di ogni dì, Maa, a è la muart
e jo i na pos pì da murî, Mâri.


In te ogni rispîr, ogni fâ
cussì sfadiâs a erin compàgns e diferèns
come i deiç da la tô man
unmò tèpida fra li mê mans.
Una granda leadûra
a tegnêva vissìn ogni cjo fâ dentri
il cuièt massàcr dal cjo mont contadin
acetât come la ploia e il sec.
Dut a dovêva êssi fat. Dut al ’veva
tal sio êssi compagn e diferènt


           la lûs da la necessitât


la lûs generâl da la tô vita.


A n’al è chest
un voltâssi indavour al cjo mont condanât
radic gno plen di ploia
ma il cjo mont
a na ti aveva unmò tolèt
la sigurecja da rivâ a sera
no sfigurâs.


          In me ogni interés, ogni fâ
          a son da massa timp come distacâs
          ognun par cont siô
          fueis di lens diferèns
          c’a si distachin dal stès ramaç.
          A si è sbassâda di tant, Mâri,
          a si distûda!
          la lûs generâl!
          c’a luminêa a la stessa manêra
          ogni louc di un louc.
          Chê lûs c’al è dut ta la vita


                 e s’a n’al è chest
                 a n’al è pì nuia.
                 Jo i na soi pì jo, Mâri.


“Tâs, no stâ dâmi chêstu dolour”.


Se chêsta a è unmò lûs
e no invessi i vôi drogâs
di chêsta lungja not dal vincjacinc di mai
c’a sumiêa da vê vôi e a plouf
meil di cassia e luna sul cjo cjarnêli
c’a si splana, sui prâs, su li citâs
sui continèns a la deriva.


            Ma vuârdimi, tu chi tu à
li rèdini dal timp in man.
Cui pì di me àe voia da vîvi?
Cui pì di me àe voia da durmî?
Parcè il gno timp
al è forèst ai siô fîs
caliga di sanc pesât
c’a svampa in scûr.
La sola sigurecja, nissuna sigurecja.
E tu, tu i tu so muârta.




da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION