Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ida Vallerugo

Neve

Quieto dormitorio accanto al nulla.  
Un luogo, il mondo 
 servono anche per uscirne. 

Ma tu, morta, mi costringi  
a continuare a rompere l’inferno 
con una zappa di vetro 
e una tromba barocca  
e tuttavia credere, credere 

 credere ancora in quella cosa  
seppellita che si chiama poesia.  
Per te io torno a scrivere in maggio 
 una poesia sulla neve  
che spianerà presto i lineamenti 
 di Meduno, del mondo, 
 la loro memoria dolce selvaggia.  
Ascolta, comincia così 

 la neve  
le sue ossa di luce, la forma perfetta, la forza splendore 
 la neve ha solo i nostri occhi  
per vedersi.




da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p.

Ida Vallerugo
Neif


Cuièt dormitôri vissìn al nuia.
Un louc, il mont
a sirvìssin encja par lassâlu.


Ma tu, muârta, i tu mi custrinç
a cuntinuâ a rompi l’infièr
cun una sapa di vêri
e una tromba baroca
e lostès crôdi, crôdi


crôdi encja, unmò, in chê roba
sipilîda c’a si clama puisîa.
Par te i tôrni a scrîvi in mai
una puisîa su la neif
c’a splanarà prèst i liniamìns
di Midun, dal mont,
la lôur memoria dôlcja selvàdia.
Scôlta, a cumincja cussì


la neif
i siô vuès di lûs, la fôrma perfeta, la fuarcja splendour
la neif à soul i nêstri vôi
par vêdissi. 




da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION