Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ida Vallerugo

Poffabro - 1


Escono da piccole porte e subito camminano alti
per le strade le teste luminose dei continenti
passano leggeri il cancello d’ombra
che ha fermato la generazione dai piedi gonfi
così, camminando, pura luce in movimento…
Sfiorano i leoni di bronzo a guardia delle statue
dei padri tutori dell’isola e del mare.
Passano davanti alle porte di Harrod’s. 
Attraversano a voce alta la periferia inquieta.
Vecchio mondo che non sai risvegliarti, muori.


Gli dei sono qui, chiedono di te.
“Eccomi” risponde lei salutando se stessa
che la saluta fra di loro.
Vengono discorrendo gli dei fra le case di pietra
di Poffabro luogo vero fuori dalle mappe
dove la neve cade in un silenzio mistico tibetano
e si alzano alle ringhiere le luminose a cantare il resurressi
e gli specchi riflettono ciò che riflettono
e si allunga negli orti la tigre, sorride.


Vengono a piedi chiamandosi gli dei, hanno tutti
il loro nome e solo sé hanno, Anna ha l’occhio vellutato
pieno di lampi di agosto, viene facendosi la treccia
la pensosa, chiama. Vengono discorrendo su moto
che luccicano, ragazzo biondo che ridi e sei biondo,
spandono in corsa benzina e miele.
Per le strade e le scalinate di Poffabro vengono
e s’incrociano sulla piazza che solo
                             quando sono entrati è lei.




(Da Mistral, a cura di Anna De Simone, prefazione di Franco Loi, con un’incisione di Livio Ceschin, Il Ponte del Sale, Rovigo 2010)

Ida Vallerugo
Pofâvri - 1


A ièssin da pìciuli puârti e subit a cjamìnin
âls par li stradi i cjâs luminous dai continèns
a pàssin lisèirs il cancel di ômbra
ch’a à fermât la generassion dai peis sglònfis
cussì, cjaminànt, pura lûs in muvimint…
A sflòrin i leons di bronz a guardia da li statui
dai pâris tutours da l’isula e dal mâr.
A pàssin denant li puârti di Harrod’s.
A traviêrsin a vous âlta la periferia incuièta.
Vecju mont ch’i na tu sa risveâti, mour.


        I deos a son uchì, a domàndin di te.
        “Ecomi” a rispunt jè saludant se stessa
        ch’a la saluda fra di lour.
        A vègnin discurint i deos fra li cjasi di piêra
        di Pofâvri louc veir four da li mapi
        ’ndulà che la neif a cola in un silensi mîstic tibetan
        e a si drècin a li ringhieri li luminôsi a ciantâ il resuressi
        e i spècjus a riflètin ce ch’a riflètin
        e a si slûngja tal radìc la tigre, a rît.


A vègnin a piè clamànsi i deos, àn ducjus
il siò non e soul sè a àn, Ana vôli viludât
plen di lampis di avòst a ven fasìnssi la strecia
la pensôsa, a clama. A vègnin discurìnt su moto
ch’a lûsin, fantàt biont ch’i tu rît e i tu so biont
a spândin in côrsa binzina e meil.
Par li stradi e li scjalinàdi di Pofâvri a vègnin
a s’incrôsin su la placia che soul
                           cuan ch’a son entrâs a è jè.




(Da Mistral, a cura di Anna De Simone, prefazione di Franco Loi, con un’incisione di Livio Ceschin, Il Ponte del Sale, Rovigo 2010)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION