Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Isole:

Giuseppe Condorelli

Foto di


Giuseppe Condorelli insegna Lettere nella scuola superiore. Si occupa attivamente di poesia, critica letteraria e teatrale su quotidiani, settimanali e riviste specializzate. Scritti, racconti e recensioni, sono apparsi anche su “Storie”; “L’immaginazione”; “Capoverso” e, per Marco Nereo Rotelli, ne “L’Isola della Poesia” (Convegno Edizioni Quaderni dell'Isola, Cremona 2003).
E’ l’ideatore e il curatore una rassegna di incontri mensili con l’autore presso la Biblioteca comunale di Misterbianco (Catania) e di kermesse d'arte (2003 “Interlinea Doppia”, Galleria Civica d’Arte “Pippo Giuffrida” a Misterbianco; 2004 “Ethos Etna” a cura di Giuseppe Frazzetto; 2005 “P.O.”, in collaborazione con la cattedra di Plastica Ornamentale dell’Accademia di BB. AA. di Catania; 2005 con Natale Platania “Cieli domestici” a cura di Paolo Aita, Galleria L’Arte Club , Catania). Ha curato la sezione poesia per il progetto “Castelmola Città degli Artisti”. E’ l’ideatore e il curatore con Paolo Lisi - con il quale ha costituito l’Associazione culturale “Interminati Spazi” - della rassegna con l’autore “L’Isola delle Scritture” (Fondazione Mazzullo di Taormina, 2007-08). Nel 2008 ha pubblicato “Criterio del tempo” per i tipi de I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme (Bologna). Dal 2006 con l’associazione Interminati Spazi organizza e dirige insieme a Paolo Lisi il Festival IsolaPoesia e dal 2009 con lo Sheraton Catania l’happening gastronomico-letterario “L’Autore per Cena”. Due sue liriche sono state messe in musica da Mariano Deidda nel cd “Deidda canta Pavese” uscito nell’aprile del 2011. Ha curato nell'Almanacco Internazionale di Poesia edito nel marzo 2013 da Raffaelli la sezione dedicata alla poesia oggi in Sicilia. Vive a Misterbianco, in provincia di Catania.

Poesie
(dicevunu: to matri è sutta a terra)
(d'istati a me casa)
(su chini di petri)
(dimmilla na parola)
(i gesti di mio padre)
(la bocca declina)
(bisogna lavare i morti)
(stormiscono le nostre voci)
(perché l’infinito arriva tardi)
(la sera sono le molecole)
(il freddo arrotola la sera)
(la città ha una luce affilata)
(forse una foresta nel sangue)
Traduzioni
(dicevano: tua madre è già sotterrata) (traduzione di Giuseppe Condorelli)
(d'estate a casa mia) (traduzione di Giuseppe Condorelli)
(sono pieni di pietre) (traduzione di Giuseppe Condorelli)
(dimmilla na parola) (traduzione di Giuseppe Condorelli)
PDF
Giuseppe Condorelli - note critiche
Giuseppe Condorelli - poesie
Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION