Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ivan Crico

Binari


Le nude rive grigie e i canneti
fin dove arriva lo sguardo e il vento
diradando il respiro. Loro poco
distanti, bambini che giocano, un laccio
di gelo l’acqua che si stringe
attorno alle caviglie. Luce di cose
che si guardano senza saperle dire.
Che si dice di vedere e sono la memoria

soltanto della corrente
che le sfiora. Mi volto, fermo come
se qualcuno dovesse arrivare ancora
o solo la polvere sottile, che si spande

lungo i sentieri, di una storia di foglie.
L’erba sporca di sabbia e un forte
frastuono che si avvicina da là in fondo.
Va’ roso di lontananze il treno senza
nessuno ( l’ultima luce, rossa
sui vetri, di file
di automobili vuote) sopra i binari neri
ormai tra i ciottoli d’olio e ombra.

Ivan Crico
Sine

Da "Maitàni"


I croti rivai grisi e le brule
fin onde che riva ’l vardar e ’l vént
s’ciarindo al rispiro. Lori vìa
de pòc, garzoni che i zuga, un laz
de criùra l’àqua che la se strenze
torno le cavìce. Luse de robe
che se sta scalumar senza savér dir.
Che se dise de védar e l’é ’l suvignir

lontan noma che de la corantìa
che le péla. Me ziro, ’nciodà como
se calchidun ’l varìe de vignir ’ncora
o noma che ’l pòlvar fìn, che ’l se spande

pa’i trozeti, de ’na lienda de fòie.
L’erba cragnosa de sabion e un fort
sdrondenar che ’l vien dogna de lavìa.
Al va fruà de lontaneze ’l tren senza
gnissun cun sì (l’ùltima luse, rossa
del sol, remandada sui véri de striche
de àuti vòidi) sora le sine negre
romai fra i còdui de òi e unbrìa.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION