Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ivan Crico

Carso


Ciò che è stato e resta fra le crete
ha la voce arrossata delle piante
di sommacco sul bordo frastagliato
delle scarpate. Il sole sul bianco
delle tovaglie stese tra le trincee

diventate un greto di polvere
ed erbe, intrichi impenetrabili
di spine. Tra altri che non sanno
cosa vuol dire il tuo voltarti, l’onda

che mi parla delle notti dei neri
capelli increspati. Il respiro calmo,
in cui prende forma l’oro bruciato
della radura deserta, in un silenzio
dove ci siamo fermati per sempre.

Ivan Crico
La Monte

Da "Maitàni"


Quel che l’é sta e ’l resta ta ’l saldàn
al à la òse russida de le piante
de foiarola ta’l oro sbechetà
dei sfondri. Al sol in ta ’l bianc
dei mantii distiradi ta le trinzee

doventade un giaron de pòlvar
e vididulazi, gatìuni intrigosi
de russe. In fra i antri che no i sa
cossa che vol dir ’l to zirarte, l’onda

che la me conta de le note dei negri
cavéi sgardufadi. Al rispiro cuiét,
là che ciapa sàcuma l’oro intristulì
de la gràia disérta, drento t’un zito
’ndò che se vémo ’ncantà par senpre.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION