Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ivan Crico

D’estate

 
Piano come il mare che accoglie
tra le sabbie nere, fangose i resti
degli alberi strappati nell’ora senza
vita racconti, nella lama immobile
del sole tra le gradinate polverose

e i condomini, di chi eri
quando passavi qui le tue giornate,
le tue vacanze in un tempo senza fine.
Rami grandi di pioppo che lentamente
sparivano sul fondo, tra i granchi
morti, bianche dighe filamentose

di brandelli di borse come alghe
di plastica mosse dalla corrente.
Nella sabbia premuta il respiro
di un sogno si alzava contro il blu
sbiancato del mare: passavo senza

vederti se la polvere che velava
i passi era il tempo che ti divide
da chi eri per essere la pioggia
che piega le ortiche, il dolore
chiaro delle montagne nel mattino.

Ivan Crico
De istà

Da "Maitàni"


A pian como ’l mar che ’l ghe fa azét
ta i sabioni negri, ploci ai vanzuni
dei àrbui sbregadi in ta l’ora senza
vita te conte, ta la lama ’ncantada
del sol in fra i scalini ’npolvaradi

e i cundumìni, de chi che te ere
co te passée a qua le to zornade,
le to vacanze t’un tenp senza fìn.
Ramazi grandi de talpon che a pian
i sparìa ta ’l fundi, ta le masanéte
morte, bianchize roste sfiliose

de sbréndui de sporte como àleghe
de ziruloide moéste de la corantìa.
Drento ’l sabion fracà al rispiro
de un ’nsonio se levéa contra ’l biau
sbianzigà del mar: passéuo senza

védarte se ’l pòlvar che ’l coerzéa
i passi l’era ’l tenp che ’l te spartisse
de chi che te ere par éssar la piova
che la stòrze le urtighe, la diulida
ciara de le montagne de matìna.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION