Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Ivan Crico

Nell’ombra


Il profilo scuro nell’ombra
di macchie e pini. La strada
di ghiaia, scomparsa memoria tra i fili
e la pietra rugginosa di altre sere
ora che il buio restituisce allo sguardo

l’aria, spirata dai filari, di chi
resta ancora una domanda
sospesa, spina nel fondo
di giorni, ferita o polvere

levitata che la mano assorbe
rapida, senza scampo, se li
avvicina. Lontano un brusìo continuo
di macchine. Il cerchio che disegna
sulla pianura il faro dell’aeroporto.

Come attraverso un vetro
infranto, i lembi azzurri e trasparenti
sulla calce dell’icona dipinta sul muro
crollato, aperto sull’azzurro più puro

dell’estate che mi vedeva svanire
ti guardo. Ferma. A fianco tenendo
la bicicletta lucida. Nel cono ovale
d’ambra oltre l’oscurità sfrangiata
delle siepi cresciute lungo il sentiero.

Ivan Crico
In ta l’unbrìa

Da "Maitàni"


Al prufìl negro in ta l’unbrìa
de màce e de pignari. La strada
de giara, disparì suvignìr ta i fii
e la piéra rùzena de antre sère
dès che ’l scur al torna al vardar

l’aria, sufiada dei filari, de chi
che ’l resta ’ncora ’na dimanda
lassada a mezo, spìn ta ’l fundi
de le zornade, firida o pòlvar

che ’l se leva e che la man zunba
zélar, senza scanpi, se la ghe va
dogna. Lontan, un siséu sìdevo
de àuti. Al zércio che ’l dessegna
ta la pradarìa ’l faro del rioporto.

Como par travers de un véro
sbregà, i pichi biavi e lìnpedi
su la calzìna de l’anconeta sul mur
’ndà zò, vért sul turchìn più nét

de l’istà che ’l me vedéa disparir,
te vardo. ’Nciodada. De lai cignindo
la bicicheta lustra. Ta la piria a ou
de ànbro oltra l’unbrìa spignotada
de le màce crissude longo ’l trozo.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION