Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordovest:
Poesie
Luca Mozzachiodi

I ciliegi - II


Il ritorno che ci spetta è a primavera la fioritura
così come per noi fiorirono ferite, amori, pulpiti
che la vita pareva innalzarci sfidando la modestia:
scegliere si doveva qualche via. Allora per natura
ci si mostra diversi e si somiglia solo nella sorte.


È una faccenda stagionale qui la morte,
quella che tu che mi ascolti chiami morte
è per noi la crepa dell’intonaco, lo scricchiolio rodente
le tempie, la macchia che s’allarga 
e che nascondi fino a farti cieco,
segni del disfacimento
che generammo e che ci hanno generati.


Non so quale epica narrarono a te
né se mai te ne narrarono alcuna
a me non raccontarono nulla, solo le colpe 
di mio padre e del padre di mio padre
e di suo padre prima di lui fino alla settima generazione.
a noi non raccontarono nulla,
a marzo fiorivano i ciliegi, l’autunno gonfiava le viti
ci si sentiva ossa della terra.




Copyright da L'arte della sconfitta, Qudulibri 2017

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION