Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordovest:
Poesie
Luca Mozzachiodi

I ciliegi - III


Il giorno che scoppiò la guerra di Corea
era orlato di ciliegi piangenti battuti dalle piogge,
pensammo a Picasso e ad un tempo lontano,
ci si sentiva come il Giappone esotico,
specchiato nelle sue piante, come quelle nodoso,
complici ad esse per affinità ma più di esse
torti e disamorati.


Guerrieri quanto basta per non farci mancare
sogni premonitori prima dello scontro,
una notte non avevamo fatto l’amore
e mi ero alzato gridando «Che ne è
di noi? Quanto poco di ciò che avremmo potuto
essere tutti siamo diventati!».
Ma erano poche le pretese, differenziarsi,
prendere la strada meno battuta per arrivare.


Così facemmo il nostro cuore muto
e cogliemmo la guerra nel vento e nel rosa
dei fiori sparsi sulla strada sporca.
Il giorno che scoppiò la guerra di Corea
nessuno di noi forse si riconosceva,
soli, divisi e senza alcun sospetto
come alberi stanchi di fiorire cercavamo una goccia
protesi tra sforzo e aridità.


Il giorno che scoppiò la guerra di Corea,
noi dovemmo imparare il tempo da capo,
non più i ciliegi in fiore e i sacrifici rituali
nel mostrarsi come eravamo voluti.
Scoppiata la guerra nessuno conosceva la sua parte,
facevamo le prove del teatro.




Copyright da L'arte della sconfitta, Qudulibri 2017

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION