Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Luciano Cecchinel

come una maledizione ultima

parlare malato di una volta, / io di sicuro ti ho fatto dire / nel mio ingraticciare pazzo / anche quello che tu non avresti voluto, / non avresti dovuto dire // quando mi è convenuto / ti ho fiorito come un biancospino, / ti ho ricamato come uno scialle soffice di acacia: / ma tu tieniti, con i tuoi colori / e i tuoi profumi raccolti, / tutte le tue spine, i tuoi spuntoni // e se poi ti ho anche torto / come un viticcio per il sacrilegio ultimo, / farti dire la tua morte, / tu rivòltati sulle mie labbra / colla sferzata del tuo essere / tutto spavaldo e scoperto... // o, come una maledizione ultima, / lasciami muto senza di te / con l’orgoglio schietto / di chi / piuttosto che piegarsi si spezza

Luciano Cecchinel
fa na maladizion ùltima

parlar cròt de na òlta,
mi segur te ò fat dir
tel me ingardizar mat
anca quel che no tu aràe olest,
no tu aràe dovest dir

co me à cognest
te ò fi orì fa ’n su?inèr,
te ò recamà fa ’n sial bof de casia:
ma ti cente, co i to color
e i to parfun insunadi,
tuti i to spin, i to spuntic

e se pò te ò anca tordest
fa na saca par al sagrilèjo ùltimo,
farte dir la to mòrt,
ti reòltete su i me làveri
col vìscol del to èser
tut sbrauro?o e descuèrt...

o, fa na maladizion ùltima,
àseme mut senza de ti
co la braura s-cèta
de chi che
pitòst de domarse ’l se crèpa


da Sanjut de stran (Singhiozzi di strame)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION