Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Luciano Cecchinel

con la tua povera lingua

dentro il grigio di questo muro spesso / - forse "voglio tornare, portatemi a casa mia" - / urlavi come impigliata ad un intrico / con la lingua di allora, / le sue parole che se ne fuggivano / come pappi di tarassaco / che non facevano più radici / e ti volavano indietro nella mente / ridiventata bambina / come in un girotondo inceppato // se uno solo ci fosse arrivato / avrebbe potuto tirarti fuori / da quel cerchio maligno, / avviare la tua anima smarrita / incontro a mamma, a papà, / a fratelli... // e invece, perduta in quei limiti / che non vogliono finire / non ti sei acquietata mai più, / non puoi più stare in alcun luogo / e il santo delle cose perdute / non contava più niente / sul ciglio del niente, / delle tue parole gridate / senza risposte giuste, / solo gli sberleffi urlati / di quel girotondo inceppato / che ti aveva rinserrato in mezzo, / sotto l''occhio grigio del muro, / un blocco che mai più si muove


Note


co la to pore lengua: con la tua povera lingua. Si tratta del dialetto veneto nella variante alto-trevigiana. La persona alla quale il testo è dedicato, prossima alla fine, delirava in questa parlata senza che alcuno potesse comprenderla.

incantà: “inceppato”, per senso derivato da quello più diretto di effetto di incantesimo (forma idiomatica).

e ''l santo de le robe pèrsee: il Santo delle cose perdute è Sant''Antonio da Padova, chiamato comunemente in causa dalla venerazione popolare al fine di poter ritrovare le cose smarrite.

Luciano Cecchinel
co la to pore lengua

           a A. G.

           (fuori dello Zanesville Hospital)
                      

de entro del biso de sto mur spes
- fursi "vui tornar, portéme a casa mea" -
tu zighéa fa picada a ’n incregnamènt
co la lengua de lora,
le so parole che le scanpéa
fa fior de radicèla
che no i fea pi radis
e i te soléa indrio te la mènt
tornada tosatèla
fa te ’n girotondo incantà


se un solche ’l ghe fuse rivà
al varàe podést tirarte fòra
da quel zércol cain,
instradar la to ànema despèrsa
incóntreghe a mama, a pupà,
a fardèi...


e invenze, perdesta te quei cavedài
che no i ol finir
ti no tu te sé cetada mai pi,
no tu pol pi star gnesuloc
e ’l santo de le ròbe pèrse
no ’l contéa pi gnent
sul zéi del gnent,
de le to parole cridade
senza pi resposte juste,
sol che le calèfe zigade
de quel girotondo incantà
che ’l te vea sarà su in tra mèz
sote l’òcio biso del mur,
an blòc che mai pi no ’l se mof


da Lungo la traccia

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION