Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Luciano Cecchinel

Debole è il profumo

Debole è il profumo della rosa selvatica / - lo culla forse la brezza del bosco - / che solo le narici che il ghiaccio ha disseccato / possono sentire. // Sottile come i suoi aghi il sapore / della bacca azzurra del ginepro / - l’ha zuccherata la neve della notte - / che solo i denti che la fame ha legato / possono assaporare. // Soffice il fiocco del susino / - solletica zingaro, piedino danzante della luce viva - / che solo le dita che la fatica fredda ha screpolato / possono provare. // Fine la neve gelata / - la solleva sotto il celeste il prato alto, / colore di ali disciolte nel sole - / che solo gli occhi che l’oscurità ha accecato / possono vedere. // Lieve il sussurro della festuca nel vento / - infreddolita trema nel velo del sole - / che solo le orecchie che il sonno ha acquietato / possono ascoltare.

Luciano Cecchinel
Débol l’é ’l parfun

Débol l’é ’l parfun de la rò?a salvàrega
- la lo cuna fursi l’aria del bòsc -
che sol le sgnare che ’l jaz l’à secà
pol sentir.

Sutil fa i so aghi al saor
de la baleta blu del denéver
- al la à inzucherada ’l nef de la nòt -
che solche i dènt che la fan la à ligà
pol sajar.

Mone?in al fiòc del su?inèr
- al fa gate zigagno,
pedin balerin del ciaro vivo -
che sol i det che la fadiga freda à rostì
pol proar.

Fin l’è ’l nef ingelà
- al lo leva sote ’l zelèste ’l pra alt,
color de ale sdefade tel sol -
che sol i òci che ’l scur l’à inorbì
i pol véder.

Lidier al susuro del fastuc in tel vènt
- imiserì ’l trema tel velo del sol -
che sol le reje che la sòn la à cetà
pol scoltar.


da Al tràgol jért

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION