Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Poesie
Mario Benedetti

Slovenija


“Elles étaient voisines dans l’abîme du temps,
la mort tournait autour de cette mémoire nomade (...)
elles déposèrent la nuit, les souvenirs et les rêves
dans une chambre vide;”           
              
Tahar Ben Jelloun, Non identifiés     




E’ venuto con i passi nell’erba,
è un vento che pensa e ha avuto un prato là, 
e scende, va così, e sale nella mummia del fieno il suo forcone. 


Su, qui, Silvano Berra ricorda Franco che tagliava ieri i carpini.
Io faccio fatica a dire chi sono perché non è più niente l’erba che capita.
Aspetto sul muro il muro per sedermi, di poter guardare qui davanti 
il vento che è stato, i giorni che erano anche per me giornate di caldo.


La nonna malata, ma era sempre un po’ magra, malata,
avvilita per le spese del funerale.
“Come fate”, ripeteva alla mamma.
L’avevano portata con il carro all’ospedale, e poi quando era venuta
tra quelle due finestre si era fermato. 
Uno ubriaco l’aveva messa in spalla come un sacco. E’ morta così,
l’hanno messa per terra ma era morta.
Stava lì, nel suo vestito, con quello che si era visto sempre.
Era buona, era una donna buona.


Piangi  qua, borgo senza nessuno
carbone dei corpi e delle mucche
vestiti bruciati, visi neri
fumo delle carni e del fieno umido.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION