Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Traduzioni
Nevio Spadoni

Il ballo dei castrati


Mi sono ridotto a credere
di non esserci neppure tutto
mi sono visto più di una volta
qui e lì allo stesso tempo
una pazzia direte voi
ma a volte che ci penso
sono vivo o morto
e quelli che in sogno mi dicono
che sono a posto e ridono ma dove sono?
Intanto ho paura
e non me ne faccio niente
del blablà degli uomini.
Il fatto è che ci portiamo addosso tutti quanti la febbre
alta di questo tempo
di farfalle inchiodate ad un pezzo di legno
di boccaloni ubriachi e ciechi come talpe
in un gomitolo di strade che non portano da nessuna parte.
È una commedia di sangue che non è mai finita:
lungo la strada delle pentole di ghisa
ballando vengono avanti
gli ultimi castrati.

Nevio Spadoni
E’ bal di s-cen macud

Ch’a m’so ardot a crédar
d’no ësi gnânca tot
ch’a m’so vest piò d’na vôlta
a que e a lè int e’ stes zir ad temp
una matêda a dirì vuiétar
mo dal vôlt ch’a i pens
a soia viv o môrt
e cvi che in sogn i m’dis
che j è a pöst e i rid mo in d’ëi?
Intânt a j ò paura
e a m’in fagh ’na cioncia
de blablà di s-cen.
L’è ch’a s’purten adös tot cvènt la févra
êlta d’ste temp
ad parpaj inciudêdi int un pëz d’legn
d’bucalon imbariégh e zigh coma dal pongh
int un gmisël ad strê ch’a’ n’pôrta invel.
L’è ’na cumégia d’sângv ch’la n’è mai fnida:
longh a la strê dal pignat d’ghisa
balend i ven avânti
j ùtum s-cen macud.



Da A caval dagli ór

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION