Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Nordest:
Traduzioni
Pierluigi Cappello

Rondeau


Con questa lingua nuda e in nessun luogo, né visto mai
in piena luce da alcun occhio, se non dai miei guardando i tuoi celesti,
io mare chiamerei quel tuo celeste, castello il lume del tuo tacere straniero
e primavera il solco lungo del tuo petto; guardandoti, nella bufera di me che cresce,
sarei falchetto se non tacessi guardandoti, in questa lingua nuda e in nessun luogo.
In nessun luogo, amore, ma soltanto in questo, l’amore ti direi che è come un cerchio, 
il sotto e il sopra, gemma e radice in rima e nel chiarore sul filo della tua schiena,
grido il chiaro della luna del medesimo chiarore, bellezza sono le mani strette in una treccia,
le mie, le tue, e attorno il braccio della notte che si apre in luce, fiutandoti, e in bianco,
in nessun luogo, amore, ma soltanto in questo.
In nessun luogo ma qui io ti vorrei, cullandoti nel su e giù delle parole,
parole come fragole ti darei, che la vita attorno è una tempesta,
io e te mare fermo in mezzo alla tempesta e mescolando i tuoi con i miei capelli,
più tuo, amore, il volto tuo sarebbe, più nome il nome tuo, con tutto il resto straniero,
in questa lingua nuda e in nessun luogo.

Pierluigi Cappello
Rondeau


Cun cheste lenghe nude e in nissun puest
nì mai viodût in lûs di nissun voli
se no dai miei cjalant i tiei celescj
jo mâr o clamarès chel to celest
tiscjel  il lum dal to tasê forest
e primevere il solc lunc dal to pet;
cjalanti , inte buere di me ch’e cres
falchet sarès se no tasès cjalanti
in cheste lenghe nude e in nissun  puest.


In nissun puest amôr ma nome in chest
l’amôr ti disarès ch’al è taront
l’insom e il sot ladrîs e zime in rime
e intal clarôr sul fîl da la tô schene
crît il clâr de lune clare compagne
bielece son li’ mans strentis in trece
li’ mês li’tôs e intor il braç de gnot
ch’a si davierç in lûs, nulinti, e in blanc
in nissun puest amôr ma nome in chest.


In nissun puest ma achì ti volarès
niçant adôr sul niçul des  peraulis
peraulis come fraulis ti darès
che vite ator ator e je tampieste
jo e te mâr fer tal mieç da la tampieste
e messedant i tiei cui miei cjavei
amôr plui tô la muse tô e sarès
e non il to plui non, cun dut il rest forest


in cheste lenghe nude e in nissun puest.




Le poesie sono tratte da Azzurro elementare, Poesie 1992-2010, Bur Rizzoli, 2013

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION