Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Sabrina Foschini

Dei musei archeologici


Dei musei archeologici mi commuovono i vetri
le ampolle crepate dalla terra e opache di pasta incerta.
Mi fanno tremare i lini, le pezze, i frammenti di vesti
lavorate dal telaio e sfilacciati dalle tombe,
dai corpi risucchiati.
Mi tengono stretta i mazzetti, di fiori attorcigliati, 
legati come corone piccole, da viaggio
seppelliti insieme ai fayyum.
Mi fanno tenerezza le manciate di grano, 
di farro, di cereali estinti
le ciotole, gli specchi di ferro molato
le fibbie scucite, i giocattoli di legno 
di bamboline snodate negli arti.
Dei musei archeologici mi fa piangere
lo sguardo della gente di oggi
la poesia della Campo che dice
“moriremo lontani” davanti ai corpi etruschi
ricongiunti al pubblico, di due sconosciuti
e pensa al suo amore grande, poeta 
che forse non l’ha voluta 
 e che le sopravvive.








Tratta da: Ragioni della sete, Raffaelli 2006

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION