Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Salvatore Jemma

80.


e giù, verso Firenze, e più giù andammo
poi la calura di quel giorno ardeva
splendente, sull’asfalto; e, una volta, correndo
sfrecciando, non ricordo per quale lavoro
sopra quella notte e macchina e autostrada
osservai il cielo, cercando una ragione
di quelle luci che bruciano nel buio;
non conoscevo mese o giorno di settembre
né desolante vecchiaia avevo ancora accanto
ma, come se il soffio che, dal finestrino
entrava per il caldo, col suo cupo boato 
fosse una risposta, sanguinando il cuore
fissai il buio, davanti (che non era male)
e la forma del vuoto e il suo caldo respiro
che sentivo passare sopra quella strada;
e né la nuda terra spegneva il dolore
o i verdi lunghi campi, né le molte vite
che laggiù si stendono, verso mezzogiorno
dove la gente ammira il tramonto del sole;
e così uscito dall’Emilia, dal suo centro
di quel paesaggio, che è paesaggio italiano




da Decisioni, Paesaggio italiano

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION