Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Vincenzo Bagnoli

5’ 37” [We die one after the other]


Morti e ferite non hanno pietà:
un tempo l’oro, il colore dei sogni,
ora nemmeno il colore degli occhi
cercati in fondo A sere su sere
nel piccolissimo mondo dove io Sarò io,
nei sotterranei Adolescenti 
di tormalina, di amaro rimorso...
saremo come pioggia che trascorre
lasciando che la notte ci catturi 
non avremo più paura, perché
è questo il terribile calcolo differenziale 
e molto più duro delle algebre vaghe del nostro bisogno.
Ma importa se moriamo tutti e uno dopo l’altro?


Significa avere risposto di sì anche solo 
averti ascoltato, domanda distante che vieni 
dietro l’azzurro crinale del tempo trascorso,
sapore di vicino e di lontano, 
di vento di febbraio e dell’odore
delle costellazioni A venire,
profumo insieme di assenza e presenza.
Sei l’onda di vento sull’orlo di stelle del tetto
tu voce uguale all’indaco nell’occhio
(la poesia che torna da quel passato, 
storie che noi viviamo, che viviamo tutti),
sei mille persone, nessun segreto
ma quello che sei è il nostro respiro il
centro di tutte le nostre pupille:
disegnerai dentro il blu la mia via?


Se allora resterà di noi qualcosa,
del mezzogiorno All’ombra dei pioppi
passato insieme davanti alla scuola,
dei giorni sotto Al sole di maggio,
gramigna a boccate, pianto negli occhi, 
le frenesie di Alma venùs,
le feste del pomeriggio, le sere
d’estate vendicate dal tramonto
(l’amore infinito un altro futuro), che sia 
almeno la sabbia sottile di queste giornate,
un loess di semi che l’austro si porti lontano. 


explicit (fading):


It’s so hard to get old without a cause
I don’t want to perish like a fading horse
Years like diamonds in the sun
And diamonds are forever
So many advantages given up today
So many songs we forgot to play
So many dreams swinging out of the blue
Oh let it come true
Oh let it come true


Chorus...
Solo...
Chorus...



One Hundred Years (Eine Berliner Kindheit)
cool song per Georgia Lepore  «just like the old days…»


Let’s start in style, let’s dance for a while
Heaven can wait we’re only watching the skies
Hoping for the best, but expecting the worst
Are you gonna drop the bomb or not?

Alphaville, Forever Young

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION