Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Zingonia Zingone

A rotta dell'inganno


E’ scomodo 
guardarsi allo specchio 


ci sono stagioni  
in cui il volto 
migra dal suo volto


e scrutarsi è 
                  scavare la tomba 
del vecchio volto.


Non è per vanità 
che si scaglia la pietra 
e cade il vetro e diventa pozza  


di visioni infrante 
occhi calati nelle voragini
della coscienza  
                        strabici
per lo sterile affanno
che separa il volto dalla sua origine.


Il vapore del fiato non salva
si fa goccia 
cade e corrode 
apre crepe tra lo zigomo
e la dolcezza dei lineamenti 
già mutati, e cola 
e scende 
             schiaccia 
la speranza di tornare. 


E’ pericoloso 
guardarsi allo specchio 


e permettere a quel volto
di prendersi il tuo volto


a quelle labbra 
di sorridere 
un riso che non hai


e gli occhi  finestra
s’un altro territorio. 


Come smascherare il gemello fastidioso
far sparire la sua rotta 
dall’Atlante della tua fisionomia? 


Rifuggire lo specchio 
chiudere il volto tra le mani 
e cercare lì 
                 il riflesso 
di un’umiltà ingannata.






(da L’Equilibrista dell’oblio)

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION