Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Poeti del Centro:
Poesie
Zingonia Zingone

(la mia leggerezza sta)


1.


La mia leggerezza sta 
nel sorriso di una giovane che canta


canta e beve vino
nella colombaia di una piccola imbarcazione
che galleggia attaccata alla Barca dei fiori


di tutti i fiori
è il più profumato


sfioro la seta adolescente
avvolgo il canto del suo godimento
con le mie labbra ubriache di luna


Assomiglia alla mia amata Yun
-il suo profilo illuminato
dal lento morire della candela          
lontano da Guangdong
dal corso ispido di questo fiume


la chiamano Diletta
la sua padrona  adorna 
i suoi neri e lisci capelli
con forcine d’oro
lucciole che illuminano
gli angoli del piacere


la ragazza gioca lo stesso gioco oscuro    
ogni notte mi soddisfa


sorridente e dolce bagna
la mia passione
con l’impercettibile sale del pianto


afferro il suo volto
nel palmo della mano
fior di loto e spavento
nel fremito delle mie dita


nei suoi occhi arrendevoli
scopro la bellezza
            leggerezza che muore
nel canto dell’amore






(da Parla Shen Fu)


Shen Fu (1763-1810) fu uno scrittore vissuto durante l’epoca della dinastia Qing. Sposato con Yun, indimenticabile compagna di vita e di opere la donna che per amore e per timore di perderlo, cercò per lui una concubina della quale lei stessa si innamorò. Visse nella povertà, peregrinando per guadagnarsi la vita come segretario e mercante d’arte. Lasciò un’autobiografia Sei stampe di una vita alla deriva: nella quale narra in modo aperto della sua vita intima e familiare, dei suoi viaggi, importante testimone della Cina del suo tempo.

Fondazione Carisbo
Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION