Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Sonde:

Poesie

Fin a sira
La Dina
cula
Ohoh
Curnista


Fin a sira

A st ri, l,

la gha z i ch bla vrt,

alra la tca a fras darnt,

piann piann, lam d ads,

acm un cagnn,

cun la s zampina.

Ma mi gnnt, indurmans,

dr acm un giarn,

an fghi gnnca na piega.

P dpu, am dasmsi,

imbambul, a vghi in cusna,

e a la cti cla lava i pit

ad la sra prima,

e a tachi a brasrla, par da dr,

a drac di basn in sal cl.

Lsa l, lam dis, ca ma slcia i bicr!

ma ag pis, cum ag pis.

Che bl ca sars,

ag dghi, sa tam ds,

ads ca gho dandar via,

na t tetna, da tgnar in bisca,

tt al d, fin a sira,

par frac ciao,

intnt ca sm luntn,

mntra srchi al fasult.



La Dina

E a stva l, lug in dan cantn,

a ghva tri an, forse qutar,

dadr la gma ad la Mercedes ad Rocu,

in dal gars, in silnsi,

sptar la Dina, cla gns,

cun cal vch camisn da nt,

lng fin ai p, inbutun fin al cl

e la cfia ad dla dcia in c,

la parva un marsin,

e liu al tacva a biar.

P dpu la gnva

e la tacva a frsar,

un parfm e un parfm!

cam par cam vgna,

incra ads, su par al nas.



cula

cula,

mi,

s i madmnda,

a sarnirs la fn ad setmbar,

quant a gh li mschi imbambdi,

che s at ag d n cric cun al d,

cumpgn a parr na brsa z dal tul,

li va par tra

e li sta l c li par mrti.



Ohoh

Ohoh,

cum am pis,

apna dasmisi,

tr al caf a la fnstra,

a st e msa

e scultr la gatra,

l dp al parc,

di ptn intnt ch i va dentr a scla.

I pr tti gat in amr.

E ad crsa,

turnr sbit a lt,

che cumpagna!



Curnista

M tesr, scltam,

an dic mia al nstar strams,

i nstar linsi,

i nstar csn,

cam parrs desagerr,

che chi cal sa, l da d l,

qunt ca sar ra,

al spsi ca gh,

magari apna un cantunsn, is d,

sa n fm minga bl, chi da d tz.

Mi, sl la curnista,

am bastars.

Dit chi sla fa purtr, tesr,

cla t curnista,

cun la fto d ti al mar,

cas vt la t facia fin z a li t tetni,

na ptna, quanti n ghvat l?

qutar o snc al msim,

ca tat msghi un lvar cun cal dentn ca vgn fra,

ca ta strchi un p i ch,

ca par ca taspti nonda

ca t dr gnir in si p.

Tesr, ma scltat,

dit chi sla fa purtr?



Fino a sera
La Dina
Ecco
Ohoh
Cornicetta


Fino a sera

Alle sette, lei,

ha gi gli occhi aperti,

allora comincia a farsi vicino,

pianino pianino, mi d addosso,

come un cagnino,

con la sua zampina.

Ma io niente, addormentato,

duro come un sasso,

non faccio neanche una piega.

Poi dopo mi sveglio,

imbambolato, vado in cucina,

e la trovo che lava i piatti,

della sera prima,

e comincio ad abbracciarla, per di dietro,

a darle dei bacini sul collo.

Smettila, mi dice, che mi scivolano i bicchieri!

ma le piace, come le piace.

Che bello che sarebbe,

le dico, se tu mi dessi,

adesso che devo andare via,

una tua tettina, da tenere in tasca,

tutto il giorno, fino a sera,

per farle ciao,

intanto che siamo lontani,

mentre cerco il fazzoletto.



La Dina

E stavo l, nascosto in un angolo,

avevo tre anni, forse quattro,

dietro la gomma della Mercedes di Rocco,

nel garage, in silenzio,

aspettare la Dina, che venisse,

con quel vecchio camicione da notte,

lungo fino ai piedi, abbottonato fino al collo

e la cuffia della doccia in testa,

sembrava un marziano,

e lolio iniziava a bollire.

Poi dopo veniva

e cominciava a friggere,

un profumo e un profumo!

che mi sembra che mi venga,

ancora adesso, su per il naso.



Ecco

Ecco,

io,

se me lo chiedono,

sceglierei la fine di settembre,

quando ci sono le mosche rimbambite,

che se gli dai un cric con il dito,

come per buttar una briciola gi dal tavolo,

vanno per terra

e stanno l che sembrano morte.



Ohoh

Ohoh,

come mi piace,

appena sveglio,

prendere il caff alla finestra,

alle sette e mezza

e ascoltare le urla,

l dopo il parco,

dei bambini intanto che entrano a scuola.

Sembrano tutti gatti in amore.

E di corsa,

tornare subito a letto,

che compagnia!



Cornicetta

Tesoro mio, ascoltami,

non dico mica il nostro materasso,

le nostre lenzuola,

i nostri cuscini,

che mi sembrerebbe di esagerare,

che chi lo sa, l di l,

quando sar ora,

lo spazio che c,

magari appena un angolino, ci danno,

se non siamo buoni, qui di qua.

Io, solo la cornicetta,

mi basterebbe.

Dici che ce la fanno portare, tesoro,

quella tua cornicetta,

con la foto di te al mare,

che si vede la tua faccia fin gi alle tue tettine,

una bambina, quanti anni avevi l?

quattro o cinque al massimo,

che ti mordi un labbro con quel dentone che viene fuori,

che stringi un po gli occhi,

che sembra che aspetti unonda

che ti sta arrivando sui piedi.

Tesoro, mi ascolti,

dici che ce la fanno portare?

Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION