Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Indice

Tema n.1:

L'Itagliana commedia

Le terzine di Gianni D'Elia, dantesche nel piglio e nell'invettiva, pasoliniane nello sdegno morale e politico, ci ricordano l'infernale quotidiano di un Italia (anzi Itaglia) mercanteggiata e senza memoria, omologata e appiattita sul teatrino del potere dalla trista parola "audiovisiva".
Eppure il poeta non rinuncia al diritto di stupirsi, di sdegnarsi, di "gridare" il canto del reale come senso stesso del vivere. Ringraziamo Gianni D'Elia che, anche per GriseldaOnLine, ci porta innanzi la sua voce appassionata, tesa, sempre rinnovata e sempre rigorosa: una letteratura come etica del vivere civile che propriamente ci ha guidato fin dall'inizio della nostra intrapresa (g.m.a.).


























L'Itagliana commedia
A Alberto Bertoni(…)

Così, tra sé e sé, la voce andava,
e, dicendo nel vento, s'assommava:
"Dico l'Italia di questi anni vili

al tempo del secondo Cavaliere,
che la vita e la scena rende ostili…
Tutto il peggio del privato itagliano

ora è nel pubblico delle alte sfere,
ed è il "mi consenta" che noi patiamo…
Siamo tornati al tempo dei signori

che si prendono le cose, col potere
acquisito col mercato del linguaggio…
Per loro, la democrazia è aggiottaggio,

il 25 Aprile il giorno di San Marco,
l'antifascismo e il vero, un solo oltraggio…
E sentiamo di viver la commedia

della Città Partita, un Medioevo
Nuovo, con Porta a Porta da congrega…
Ecco il girone del Potere Nero,

il Gran Pavone, il Picchione, il Padano,
gente che del peggio ha fatto il suo impero…
Oggi, l'inferno è audiovisivo, gastro-

quotidiano, lo sappiamo, tra un pasto
e l'altro, nel duale occidentale,
dove Sistema e Terrore la mano

si danno, economia, guerra e confessione,
teologia politica del danno umano…
Ahi, vita, che sarai sempre la vita,

mia vita del più antico e pigro andare,
vita stupita da ogni più banale
cosa, che all'occhio del pensiero appare…

Poi che banale cosa, in sé, mai non è
sublime o infame, al tessere e al filare
Quel filo, ch'è il cantare del reale"





























Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION